dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 6 dicembre 2010

Lamborghini V12, foto esclusive

Abbiamo immortalato il prototipo dell'erede della Murcielago che sarà a Ginevra

Lamborghini V12, foto esclusive

Al Motor Show di Bologna (4-12 dicembre) una delle poche assenti è proprio la bolognese Lamborghini che sta lavorando alacremente alla sua nuova berlinetta con motore V12 la cui presentazione è prevista al Salone di Ginevra (3-13 marzo 2011) e della quale vi mostriamo questi scatti esclusivi in cui l'erede della Murciélago si mostra con camuffature sempre meno evidenti. Si comincia così a capire sempre di più di come sarà questa nuova auto del Toro che aprirà per la casa di Sant'Agata l'era della fibra di carbonio utilizzata in modo strutturale per la scocca con le esperienze e le tecnologie maturate presso il centro di ricerca al lavoro dal 2007 a Seattle in collaborazione con l'Università di Washington e la Boeing.

STILE TUTTO DA IMMAGINARE
La nuova Lamborghini avrà sempre il frontale corto, ma meno che sulla Murciélago, probabilmente per le norme che riguardano la protezione dei pedoni, e la coda pronunciata anche se meno alta e imponente. Di ispirazione Gallardo invece la linea di cintura spezzata. Uno sguardo più attento rivela alcuni particolari. Il primo è la presenza di due grandi prese d'aria sotto i gruppi ottici anteriori la cui forma appare sempre trapezoidale, ma più protesa verso la parte posteriore e con il lato più corto in basso invece che in alto. Maggiori le novità sui fianchi dove la presa d'aria principale di fronte alle ruote posteriori sarà nettamente più alta con profili che abbracciano praticamente tutta la portiera e modificano la posizione della maniglia di apertura, non più sulla parte alta, sotto il bordo del cristallo, ma sotto il bordo che delimita superiormente la presa d'aria. Questa scelta indica che è cambiata anche la disposizione dei radiatori che, sulla nuova V12 dovrebbero essere verticali e messi in diagonale. Curiosi invece i piccoli sfoghi d'aria a freccia che si intravvedono a poca distanza dalla linea dei passaruota, un accorgimento teso evidentemente a creare una sorta di cuscino d'aria che carena le ruote e diminuire contemporaneamente la pressione dentro i fianchi.

PIÙ ATTENZIONE PER L'AERODINAMICA
Anche al di sopra del fianco, dietro all'abitacolo, si vedono altre due bocche la cui forma sembra meno prominente, a dimostrazione che lo stile stavolta ha tenuto in maggior conto le esigenze dell'aerodinamica. Anche di fronte alle ruote anteriori si notano due piccole pinne. In coda si intravvedono molte cose interessanti, la prima è il terminale di scarico esagonale unico all'interno del quale tuttavia si contano quattro settori. Poco sotto, si vedono le pinne dell'estrattore, ulteriore conferma che stavolta più che mai si è andati alla ricerca della deportanza e dell'efficienza globale attraverso la profilatura sopra e sotto carrozzeria piuttosto che affidarsi alle appendici. Probabile anche che vi sia uno spoiler ad estrazione automatica sul bordo della cosa, ma la camuffatura non permette di confermarlo. Si capisce anche qualcosa della forma dei gruppi ottici posteriori, anch'essi trapezoidali, che si rimpiccioliscono verso il centro e al loro interno ripropongono il tema grafico della Y, come già visto sulla Gallardo. Poco sotto si notano due grandi sfoghi, per dare modo al nuovo V12 6,5 litri siglato L539 da 700 CV di evacuare tutto il calore.

"AVENTADOR" E' SOLO UN'IPOTESI
Purtroppo, per ora possiamo lavorare d'immaginazione, secondo le nostre informazioni però Lamborghini ha già tenuto sessioni di incontri con clienti in sede, in Italia e all'estero con foto della vettura vera facendo così raccolta di ordini in vista del lancio commerciale ufficiale previsto in primavera. Proprio durante questi incontri riservati sarebbe stato rivelato uno dei possibili nomi dell'erede della Murciélago: Aventador LP 700-4 dove 700 sono i cavalli e 4 sono le ruote motrici secondo uno schema totalmente nuovo, con giunto centrale con frizione multidisco Haldex a controllo elettronico al posto di quello viscoso. Il nome invece rispecchierebbe appieno la tradizione del Toro, Aventandor infatti è una razza di tori da combattimento, scelta identica a quella compiuta per molti altri modelli Lamborghini, dalla Miura in poi. Ad ogni modo, secondo una fonte di OmniAuto.it una decisione definitiva non è stata ancora presa ed esiste una rosa di nomi, tutti già prudenzialmente depositati, tra cui il management sarà chiamato a scegliere nelle prossime settimane.

NERO, COME UN TORO E COME IL CARBONIO
La novità più grande tuttavia sarà nella scocca per gran parte in fibra di carbonio, che consentirà un balzo quantico in termini di rigidità e leggerezza che possiamo immaginare dai dati di emissioni: 398 g/km di CO2, un vero record per un'auto con motore V12 di questa cilindrata, pari a quasi il 18% in meno rispetto alla LP 670-4 SV (480 g/km) e di oltre il 20% rispetto alla LP 640-4 (495 g/km). Se si considera che lo scarto di 15 g/km tra la prima è la seconda è stato ottenuto con 100 kg in meno, si capisce quale sia il progresso della nuova V12 in termini di efficienza ottenuto in particolare attraverso la leggerezza. Per un ulteriore confronto, la Ferrari 599 GTB Fiorano con un motore 6 litri da 620 CV fa segnare 420 g/km di CO2. Tutto questo fa immaginare anche un guadagno netto nelle prestazioni con una velocità massima intorno ai 350 km/h e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 3 secondi o anche meno grazie anche al nuovo cambio ISR a 7 rapporti dotato di strategia di lancio e con passaggi di marcia pari a 50 ms. Un ulteriore indizio che questa nuova Lamborghini V12 non sarà seconda a nessuno. Non rimane che scoprire le sue vere fattezze e avere la conferma ufficiale del nome.

Lamborghini Aventador

Lamborghini Aventador
Nome
Aventador
Anno
2011
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Lamborghini

Iscriviti alla Community

Scrivi un commento

Condizioni d'uso
Top