dalla Home

Mercato

pubblicato il 2 dicembre 2010

Le Lancia che vedremo nel 2011

A giugno la Ypsilon. Poi la monovolume e l'ammiraglia di derivazione Chrysler

Le Lancia che vedremo nel 2011
Galleria fotografica - Lancia al Motor ShowGalleria fotografica - Lancia al Motor Show
  • Lancia al Motor Show - anteprima 1
  • Lancia al Motor Show - anteprima 2
  • Lancia al Motor Show - anteprima 3
  • Lancia al Motor Show - anteprima 4
  • Lancia al Motor Show - anteprima 5
  • Lancia al Motor Show - anteprima 6

La prima nuova Lancia sarà la Ypsilon 5 porte che arriverà a giugno e a seguire, sempre durante il secondo semestre 2011, debutteranno nelle 200 concessionarie nazionali di Lancia (che entro il 2014 saranno completamente rinnovate) le auto di derivazione Chrysler: una monovolume e un'ammiraglia. Probabilmente si tratta della Voyager e della Chrysler 300C. A confermare la strategia della nuova Lancia è stato Luca Napolitano, responsabile del brand Lancia in Italia da tre anni. Durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina al Motor Show di Bologna (che apre al pubblico il 4 dicembre, mentre oggi e domani sono le giornate riservate a stampa e operatori), Napolitano ha ribadito che i volumi di Lancia nel segmento B aumenteranno in modo significativo nei prossimi anni. "Vogliamo colpire nuovi target, anche uomini", ha detto.

LA PAROLA CHIAVE E' "CONVERGENZA"
E sebbene la Ypsilon attuale, quella tre porte, continuerà ad essere commercializzata anche il prossimo anno, è ormai assodato che Lancia sta vivendo un momento storico, in cui "i programmi stanno diventando realtà", come ha detto Napolitano. E l'integrazione con Chrysler sta diventando un fatto concreto anche fuori dalle fabbriche. E' infatti molto probabile che il Motor Show di Bologna 2010 sia l'ultimo evento motoristico in cui allo stand Lancia-Chrysler i modelli hanno brand separati. Dal 2011 Lancia inghiottirà Chrysler in tutto e per tutto e nelle fiere, così come nelle concessionarie, si vedranno le Chrysler con marchio Lancia esposte negli "stand Lancia". Per parlare di questo processo all'interno dell'azienda si usa la parola chiave "convergenza": convergenza nello sviluppo di nuovi prodotti, convergenza geografica (Lancia sarà un brand globale grazie a Chrysler), convergenza nell'organizzazione del personale (si sta formando un solo team di lavoro) e convergenza delle reti di vendita (l'obiettivo è farne una sola, più capillare e con migliori livelli qualitativi di assistenza).

LANCIA AL MOTOR SHOW 2010
Lancia quindi torna al Motor Show di Bologna con nessuna novità di prodotto, ma con alcune serie speciali di modelli già conosciuti. Accanto ad alcune vetture Chrysler (Grand Voyager Limited e 300C Touring SRT Design), c'è la Lancia Ypsilon Collection 2011 nell'allestimento top di gamma Platinum equipaggiata con il nuovo 1.2 da 69 CV, omologato Euro 5; c'è la serie speciale Musa 5th Avenue e la Lancia Delta che a Bologna è presente in due versioni: una Hard Black 1.8 Di TurboJet da 200 CV e una Platino 1.4 MultiAir da 140 CV Euro 5 e sistema Start&Stop di serie. Conpletano lo stand tutte le vetture della gamma GPL di Lancia (Musa, Delta e Ypsilon), anche loro inserite in una cornice fiabesca che pone al centro i bambini, il loro mondo e i loro desideri per l'avvenire. Un'immagine che richiama l'idea di un marchio "nuovo" proiettato verso il futuro. Ecco allora che le grandi lavagne diventano le superfici ideali per una favola; le foglie sul pavimento si trasformano in pedane espositive e la stessa strada compare sotto forma di gesso. "Tutto è lavagna - spiega Lancia - perché su tutto si può scrivere, non ci sono limiti alla fantasia".

Autore:

Tag: Mercato , Lancia , motor show , produzione


Top