dalla Home

Mercato

pubblicato il 1 dicembre 2010

Mercato auto: a novembre -21,1%

Continua il calo delle immatricolazioni mensili, ora a quota 145.198

Mercato auto: a novembre -21,1%

Nel mese di novembre 2010 le immatricolazioni di auto nuove in Italia hanno fatto segnare le 145.198 unità, una cifra che paragonata alle 184.099 vetture del novembre 2009 rappresenta un calo del 21,13%. Anche la raccolta degli ordini non ottiene risultati molto migliori, posizionandosi a quota 160.000 contratti (-20% rispetto al novembre 2009). L'unico dato positivo viene dal mercato dell'usato, dove i 418.239 trasferimenti di proprietà rappresentano un +3,06% nei confronti dello stesso mese dello scorso anno.

A FINE ANNO 600.000 CONTRATTI IN MENO
Come già spiegato in altre occasioni, un calo così consistente nelle immatricolazioni del nuovo è spiegabile anche con il fatto che si confronta il dato 2010 privo di qualsiasi incentivo con un dato del novembre 2009 che vedeva invece gli incentivi statali riscuotere il massimo successo in vista di una fase conclusiva che si è chiusa con gli ordini del 31 dicembre. Resta comunque il fatto che la difficoltà del mercato è reale e che, come sottolinea Gianni Filipponi dell'Unrae, "a fine anno avrà lasciato sul terreno quasi 600.000 ordini, equivalenti ad un fatturato di oltre 11 miliardi di euro".

MERCATO INCERTO E DIVISO
Scendendo nel dettaglio delle immatricolazioni mensili per singole marche spiccano in particolare i risultati al ribasso di Fiat (-27,8%), Lancia (-34,4%), Citroen (-31,4%), Ford (-32,6%), Hyundai (-37,2%), Suzuki (-33%) e Toyota (-32%). Sempre rimanendo nell'ambito dei marchi che vendono quasi 1.000 vetture al mese si possono segnalare anche i tonfi di smart (-44,9%) e Mazda (-50%). Oltre ad Audi, BMW e Mercedes che fanno segnare guadagni rispettivi dell'1,8%, 5,4% e 3%, il resto dei brand in contro tendenza è riassumibile nei nomi di Alfa Romeo (+16,3%), MINI e Mitsubishi (entrambe al +92%) e Seat e Skoda assieme (+32%).

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top