dalla Home

Tuning

pubblicato il 30 novembre 2010

Mercedes SLS AMG Brabus Widestar

Massima “apertura alare” per il gabbiano di Stoccarda

Mercedes SLS AMG Brabus Widestar
Galleria fotografica - Mercedes SLS AMG Brabus WidestarGalleria fotografica - Mercedes SLS AMG Brabus Widestar
  • Mercedes SLS AMG Brabus Widestar - anteprima 1
  • Mercedes SLS AMG Brabus Widestar - anteprima 2
  • Mercedes SLS AMG Brabus Widestar - anteprima 3
  • Mercedes SLS AMG Brabus Widestar - anteprima 4
  • Mercedes SLS AMG Brabus Widestar - anteprima 5
  • Mercedes SLS AMG Brabus Widestar - anteprima 6

Come l'uccello da cui prende il nome, la SLS Brabus Widestar si esibisce in uno spettacolare volo planato ed enfatizza le doti di veloce "mangiachilometri" della granturismo tedesca. Grazie alle cure del tuner tedesco, la Mercedes SLS AMG subisce un allargamento del corpo vettura, realizzato tramite le feritoie aerodinamiche sui passaruota posteriori e gli sfoghi dell'aria calda provenienti dal motore. L'incremento delle dimensioni determina poi la forma degli elementi del kit in fibra di carbonio: gli spoiler anteriori e posteriori, il diffusore del sottoscocca e le minigonne laterali completano infatti il look "rasoterra" della vettura. I 20 mm in più di larghezza giustificano l'adozione di nuove ruote posteriori da 21 pollici e 9,5 di canale, mentre davanti troviamo dei 20 pollici 9,5J. I cerchi in lega Brabus Monoblock F Platinum Edition su cui sono installati gli nuovi pneumatici sono monoblocco e forgiati, per garantire la massima leggerezza nonostante la massa delle gomme extralarge 275/30 ZR 20 e 295/25 ZR 21.

La generosa gommatura mette a terra le caratteristiche dinamiche dell'autotelaio AMG grazie a nuovi ammortizzatori Bilstein, che ridefiniscono l'assetto ruote abbassando l'altezza della vettura di 30 mm. La cura dimagrante per la coupé di Stoccarda continua nell'impianto di scarico, che con un peso di 12 kg porta una riduzione del 40% rispetto all'originale e connota ulteriormente il sound "rauco" della SLS. I 10 CV in più che il terminale garantisce vanno ad aggiungersi alla cavalleria del 6.2 litri V8 a carter secco nato in quel di Affalterbach, nella sede della AMG. Il nuovo look degli interni è garantito dal rivestimento in pelle "quadrettata" che riveste la zona battitacco del voluminoso brancardo. Qui si trova anche il logo Brabus, illuminato dalle stesse luci a LED che corrono lungo il tunnel centrale accanto alle cuciture rosse che caratterizzano l'abitacolo. Un aspetto originale della personalizzazione consiste nella scelta della pelle scamosciata per rivestire la parte superiore della plancia: l'effetto ottenuto coniuga così il richiamo al mondo delle corse con una qualità al tatto da esemplare a tiratura limitata.

Autore:

Tag: Tuning , Mercedes-Benz


Top