dalla Home

Attualità

pubblicato il 26 novembre 2010

Roma Capitale presenta il Progetto di Pedonalizzazione del Tridente

Entro il 2013 il cuore della Città Eterna sarà "elettrico"

Roma Capitale presenta il Progetto di Pedonalizzazione del Tridente
Galleria fotografica - Nissan Leaf: l'Assessore de Lillo la prova ad H2RomaGalleria fotografica - Nissan Leaf: l'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma
  • Nissan Leaf: l\'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma - anteprima 1
  • Nissan Leaf: l\'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma - anteprima 2
  • Nissan Leaf: l\'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma - anteprima 3
  • Nissan Leaf: l\'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma - anteprima 4
  • Nissan Leaf: l\'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma - anteprima 5
  • Nissan Leaf: l\'Assessore de Lillo la prova ad H2Roma - anteprima 6

Il cuore di Roma diventa elettrico. Entro il 2013 soltanto le auto a emissioni zero (ovvero quelle al 100% elettriche) potranno percorrere alcune strade del centro storico, che per la maggior parte diventerà pedonale. Si comincia subito, con il divieto alle auto blu di percorrere via del Corso, e si prosegue per tappe fino alla totale pedonalizzazione del Tridente mediceo, ovvero quel complesso di strade che da piazza del Popolo scende lungo via del Babuino e via di Ripetta, avendo come asse centrale via del Corso. E' il "Progetto di Pedonalizzazione del Tridente" (250 milioni di euro d'investimento pubblico e privato) voluto dalla giunta Alemanno per ridurre l'inquinamento e aumentare la savaguardia del patrimonio storico, che rientra nel Piano Strategico di Sviluppo di Roma Capitale e che è stato presentato ieri sera all'Ara Pacis in due ore di conferenza stampa aperta al pubblico. La giunta capitolina vuole, infatti, realizzare questo progetto con la collaborazione (oltre che di tutti gli assessorati) di tutti i romani, con lo slogan "Costruiamo insieme la nuova Capitale".

I CITTADINI SONO CHIAMATI A DIRE LA LORO
Il progetto pilota che Roma vuole sviluppare in ambito di Mobilità Sostenibile è molto ambizioso. Se si considera che attualmente il centro storico della città è interessato da 130.000 spostamenti nell'ora di punta (di cui 33.000 avvengono in auto), si intuisce quanto l'impedimento alle stesse di circolare è destinato a creare disagi. Soprattutto all'inizio. Per questo dal 26 Novrembre al 14 gennaio 2011 i cittadini romani sono chiamati a presentare le proprie idee, opinioni e proposte in merito alla pedonalizzazione presso gli uffici di Largo Ascianghi, aperti tutti i martedì e venerdì dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00 (per informazioni è a disposizione il numero di telefono 06 67 106 714).

COME CAMBIA IL TRIDENTE
L'isola ambientale del Tridente verrà realizzata in due fasi. La prima prevede la pedonalizzazione di via del Corso e della viabilità minore trasversale del Tridente, mantenendo il transito su via del babuino con l'apertura del parcheggio in Piazza Cavour. La seconda fase prevede il termine dei lavori di ampliamento del parcheggio di Villa Borghese, la realizzazione di quello dell'Ara Pacis e l'estensione delle strade pedonalizzate. Gli unici che potranno accedere a queste zone saranno i residenti dell'isola Ambientale Tridente, gli autorizzati, i mezzi pubblici e le auto a trazione elettrica (che potranno sostare gratuitamente). Senza entrare nel dettaglio del trasporto pubblico, l'isola ambientale sarà servita da una linea minibus elettrica circolare dal parcheggio di Villa Borghese al Tridente.

I PARCHEGGI A SERVIZIO DEL TRIDENTE
I parcheggi nell'area attorno al Tridente saranno completamente riorganizzati. Alcuni saranno ristrutturati (come quello di Vialla Borghese) e altri creati ex novo (come quello all'Ara Pacis). In totale i parcheggi a servizio del Tridente saranno sette: Lungotevere Arnaldo da Brescia, Lungotevere Mellini, Passeggiata di Ripetta, Villa Borghese, Piazza Cavour, Piazza Ponte Umberto I e Via Giulia. I posti auto saranno in totale 2.669 e tutti i parcheggi disporranno di colonnine per la ricarica delle vetture elettriche, nonché postazioni di bike sharing. Roma infatti con questo Piano si è candidata a diventare la prima capitale europea per l'offerta di mobilità a trazione elettrica (nel primi mesi del 2011 verrà completata l'installazione di 100 colonnine della prima rete di ricarica elettrica intelligente nata grazie al progetto e-Mobility Italy).

LO SVILUPPO DEL CAR SHARING
Nel "Progetto di Pedonalizzazione del Tridente" rientra anche lo sviluppo del già esistente sistema di car sharing (oltre che del bike sharing). Da 110 vetture disponibili su 61 postazioni distribuite all'interno di 4 municipi si vuole passare a 200 vetture a servizio di tutti in tutti i municipi. E' inoltre in fase di predisposizione il bando di gara per l'estensione sull'intero territorio della Città che prevede l'utilizzo di vetture elettriche dedicate al Centro storico.

Galleria fotografica - Pininfarina Nido EV al CampidoglioGalleria fotografica - Pininfarina Nido EV al Campidoglio
  • Pininfarina Nido EV al Campidoglio - anteprima 1
  • Pininfarina Nido EV al Campidoglio - anteprima 2
  • Pininfarina Nido EV al Campidoglio - anteprima 3
  • Pininfarina Nido EV al Campidoglio - anteprima 4
  • Pininfarina Nido EV al Campidoglio - anteprima 5
  • Pininfarina Nido EV al Campidoglio - anteprima 6
Galleria fotografica - A Gianni Alemanno la prima smart EDGalleria fotografica - A Gianni Alemanno la prima smart ED
  • A Gianni Alemanno la prima smart ED - anteprima 1
  • A Gianni Alemanno la prima smart ED - anteprima 2
  • A Gianni Alemanno la prima smart ED - anteprima 3
  • A Gianni Alemanno la prima smart ED - anteprima 4
  • A Gianni Alemanno la prima smart ED - anteprima 5
  • A Gianni Alemanno la prima smart ED - anteprima 6

Autore:

Tag: Attualità , auto elettrica , roma


Top