dalla Home

Curiosità

pubblicato il 25 novembre 2010

smart Lorinser Easybrid

Ecologia e prestazioni si sposano con il kit ibrido after-market

smart Lorinser Easybrid
Galleria fotografica - smart Lorinser EasybridGalleria fotografica - smart Lorinser Easybrid
  • smart Lorinser Easybrid - anteprima 1
  • smart Lorinser Easybrid - anteprima 2
  • smart Lorinser Easybrid - anteprima 3
  • smart Lorinser Easybrid - anteprima 4
  • smart Lorinser Easybrid - anteprima 5

Anche il mondo del tuning si sta attrezzando per l'arrivo sul mercato delle nuove auto a basso impatto ambientale. La Lorinser, factory tedesca specializzata nell'elaborazione delle Mercedes-Benz, lancia al Motor Show di Essen 2010 la smart Easybrid, un'auto dotata di un motore elettrico da 30 kW accoppiabile sia ai motori a benzina sia diesel della smart fortwo attualmente in commercio. La novità più importante consiste nel voler costruire una citycar ibrida, ma con l'obiettivo di ottenere prestazioni migliori rispetto al modello di origine. La filosofia performance-oriented è quindi la principale differenza della realizzazione tedesca rispetto all'italiana smart Evotek Engineering, elettrificazione della smart prima serie. Anche l'azienda Micro-Vett ha già in listino una gamma di veicoli elettrici, come la Fiat e500, ma tutte queste vetture sono pensate esclusivamente come auto a zero emissioni.

CONIUGARE LE PERFORMANCE CON L'AMBIENTE
L'iniziativa della Lorinser anticipa quindi un tema interessante, che tanti automobilisti terranno in considerazione quando decideranno di acquistare un'auto ecologica: quante persone saranno infatti disposte a sacrificare le prestazioni sull'altare dell'ecologia? Molto dipenderà da quanto le nuove tecnologie incideranno sui costi delle auto più accessibili. Per fare un esempio concreto, la smart Easybrid sfrutta a suo vantaggio una caratteristica tipica delle auto economiche: all'interno dei freni a tamburo posteriori sono alloggiati degli statori direttamente collegati all'elettronica di potenza. In questo modo è possibile dare trazione alle ruote senza dover adottare un differenziale aggiuntivo, che infatti non è presente. Il motore elettrico agisce direttamente sulle singole ruote e va a sommarsi alla coppia proveniente dai semiassi collegati al motore termico. La potenza sviluppata dal modulo è di 41 CV, che permettono alla smart di ottenere una migliore accelerazione e una velocità di punta più elevata. L'aspetto "eco" della trasformazione è tuttavia riassumibile nei seguenti dati dichiarati: 30 km di percorrenza in modalità solo elettrica e fino a 500 km di autonomia delle batterie nel funzionamento ibrido. Tra i modelli che saranno presto ibridizzabili con questa tecnologia ci sono la Volkswagen Polo, la Renault Twingo e la Fiat 500. Le batterie verrebbero finanziate attraverso forme di leasing simili a quelle proposte dalle case automobilistiche per le prorpie elettriche; pertanto Lorinser ritiene che la trasformazione di un'auto verrebbe a costare all'utente finale intorno ai 5.000 euro.

LA SITUAZIONE ATTUALE
Il panorama delle auto sportive a basso impatto ambientale attualmente in circolazione è piuttosto limitato e ha come porta bandiera la Tesla Roadster, che OmniAuto.it ha recentemente testato su strada. In questo caso la caratteristica peculiare di un motore elettrico, ovvero la disponibilità di avere la coppia massima al regime di giri minimo di funzionamento, si è tradotta in accelerazioni brucianti nello spunto da fermo e in una capacità di ripresa da vera sportiva. Il tutto è stato reso possibile dall'impostazione progettuale data dai tecnici, che hanno tarato l'elettronica di potenza e l'erogazione di elettricità delle batterie con l'unico scopo di ottenere le massime prestazioni. In futuro il ruolo di rappresentante della categoria spetterà alla Porsche 918 Spyder, in arrivo sul mercato ad un prezzo dell'ordine dei 500.000 euro.

UN ANTICIPO DI FUTURO AD H2ROMA 2010
Nell'edizione 2010 di H2Roma, OmniAuto.it ha offerto la possibilità agli automobilisti di testare alcune tra le più importanti novità nel campo delle auto ecologiche, come la Toyota Auris HSD, la smart ED, la Citroen C-Zero, la Peugeot iOn e la Nissan Leaf. Qualcuno tra i partecipanti ci ha chiesto informazioni su quando le case automobilistiche presenteranno le versioni eco-sostenibili delle proprie sportive. Lorinser ha proposto un'idea, vi aggiorneremo sui prossimi sviluppi...

Autore:

Tag: Curiosità , Smart , auto elettrica , tuning , auto ibride


Top