dalla Home

Tuning

pubblicato il 23 novembre 2010

Fiat Grande Punto Abarth G-Tech

Kit di potenziamento tedesco per lo Scorpione italiano

Fiat Grande Punto Abarth G-Tech
Galleria fotografica - Fiat Grande Punto Abarth G-TechGalleria fotografica - Fiat Grande Punto Abarth G-Tech
  • Fiat Grande Punto Abarth G-Tech - anteprima 1
  • Fiat Grande Punto Abarth G-Tech - anteprima 2
  • Fiat Grande Punto Abarth G-Tech - anteprima 3
  • Fiat Grande Punto Abarth G-Tech - anteprima 4
  • Fiat Grande Punto Abarth G-Tech - anteprima 5
  • Fiat Grande Punto Abarth G-Tech - anteprima 6

La Abarth è la divisione di casa Fiat incaricata ufficialmente di elaborare le vetture torinesi e si rifa agli antichi fasti, quando le automobili di Carlo Abarth facevano sognare i giovani. Ai nostalgici dei tempi in cui, però, si portava la propria "belva" in officina è dedicata la Grande Punto Abarth G-Tech, che strizza l'occhio a chiunque cerchi ancora un po' di questo spirito. Gli interventi più significativi vanno scovati sotto il cofano ed è qui che l'azienda tedesca propone, per il 1400 cc Multiair turbo nato negli stabilimenti FPT (Fiat PowerTrain), tre step di potenziamento. Il Kit S adotta una centralina motore aggiuntiva G-Tech e permette al propulsore di erogare una potenza di 185 CV e una coppia di 305 Nm. Con il Kit RS la potenza e la coppia salgono rispettivamente a 250 CV e 310 Nm, grazie all'utilizzo di un intercooler maggiorato costruito in alluminio, alla sostituzione del filtro aria di serie con un modello sportivo e all'adozione di un impianto di scarico "libero". L'utlimo livello di elaborazione è rappresentato dal Kit RS Pro da 250 CV e 320 Nm, che si avvale della centralina aggiuntiva Evo 2 e di una modifica al catalizzatore di serie, per un delfusso dei gas di scarico che non genera delle contropressioni lato motore.

L'assetto della Abarth, definito esteriormente da cerchi da 18 pollici, viene rivisitato tramite il montaggio di ghiere in acciaio INOX per regolare altezza e taratura degli elementi elastici. I freni adottano degli elementi forati per lo smaltimento del calore e speciali pastiglie di una mescola molto efficiente alle alte temperature. L'impianto di scarico, specialità della G-Tech, è costruito in acciaio INOX e omologato CEE e la forma del terminale non abbandona la classica forma rotonda, rifinita in acciaio spazzolato o aluminio anodizzato nero. Particolare la scelta di dotare la marmitta di valvole interne con cui gestire il livello di sonorità al variare dei regimi di rotazione del motore. Il sistema è azionabile dall'abitacolo tramite un pulsante posto sulla plancia, che commuta il sound della propria vettura da un livello "omologato" a una versione "racing". Il reparto trasmissione è caratterizzato dalla presenza di un differenziale autobloccante e di una frizione rinforzata e volano alleggerito. Il calssico selettore "ad H" della leva del cambio viene poi sostituito da un comando sequenzaiale che, come sulle motociclette, permette di innestare le marce solo con movimenti longitudinali, previo azionamento del pedale della frizione ovviamente.

Autore:

Tag: Tuning , Fiat , tuning


Top