dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 16 novembre 2010

Mercato auto Europa: a ottobre -16,1%

Giù i principali Paesi. A ottobre Fiat ha perso il 32,9%

Mercato auto Europa: a ottobre -16,1%

Secondo gli ultimi dati diramati dall'ACEA, nel mese di ottobre in Europa sono state immatricolate 1.061.977 automobili, con una flessione del 16,1% rispetto all'analogo mese dello scorso anno. Si tratta del settimo calo consecutivo per il mercato europeo dell'auto, la cui domanda nei primi 10 mesi dell'annno è dunque declinata del 5,5% con 11,279,542 nuove immarticolazioni e 610.500 vendite in meno.

CROLLANO I "BIG 5"
I cinque grandi mercati, che nell'insieme rappresentano oltre il 70% delle vendite continentali, hanno accusato tutti perdite a doppia cifra, a cominciare dalla Spagna (-37,6%, il calo più alto con 61.366 immatricolazioni), che fino a giugno aveva goduto degli incentivi del Plan 2000E che hanno tenuto alto il bilancio dei primo 10 mesi (+ 9,4%), ma che adesso soffre per l'aumento di 2 punti dell'IVA introdotto a luglio. Il secondo mercato a perdere terreno è proprio quello italiano, che nello scorso mese è calato del 28,8% e segno rosso anche per Gran Bretagna (-22,2%), la Germania (-20,0%) e la Francia (-18,5%). Oltremanica è il terzo mese consecutivo in flessione, ma ne primi dieci mesi continua ad essere in attivo, con una crescita del 4,8%. Per la Germania il 2010 si chiuderà con la perdita di circa un milione di vendite (2.800.000 immatricolazioni, -26,5% rispetto all'intero 2009) in conseguenza della fine degli incentivi, mentre in Francia, dove gli incentivi ci sono ancora ma di 500 euro, la perdita di ottobre si inserisce nel trend annuale: 1.829.440 immatricolazioni da gennaio a ottobre, -1,4%.

CHI VA SU
Nel complesso in questi 5 Paesi, l'Europa dell'auto ha perso 885.420 unità, ma la performance dell'intero mercato continentale è stata mitigata dai buoni risultati ottenuti da alcuni mercati minori: da gennaio a ottobre sono in positivo soprattutto Estonia (+121,5%), Irlanda (+114,6%), Lituania (+91,3%), Lettonia (+81,7%), Slovacchia (+37,3%), Danimarca (+33,9%), Finlandia (+25%), Olanda (+23,3%), Svezia (+21,3%), Polonia (20,2%).

L'ANDAMENTO DEI GRUPPI
Cala dal 15,52% al 13,16% il market share nell'Europa a 25 di Fiat (dal 14,78 al 14,47 da gennaio a ottobre), con il Gruppo torinese che cala del 32,7% in ottobre e del 16,3% nei primi 10 mesi del 2010. A ottobre crollano Fiat del 36,4% e Lancia del 43,2%, mentre Alfa Romeo recupera del 12,6%. Negativo per tutti e tre i marchi più Ferrari e Maserati il consuntivo gennaio-ottobre 2010: -16,3%. In ottobre segno positivo solo per Mitsubishi (+50,4%), BMW (+5,4%), Volvo (+2,9%), calano invece Ford (-29,3%), Toyota (-27,8%), PSA (-19,1%), GM (-19,1%), Renault (17,5%), Volkswagen (-10,6%), Nissan (-7,7%), Daimler (-5,1%).

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , incentivi , auto europee


Top