dalla Home

Motorsport

pubblicato il 15 novembre 2010

F1: titolo a Vettel e la Lega accusa Montezemolo

"Si deve dimettere", per Calderoli. Il presidente: "Vizi italiani"

F1: titolo a Vettel e la Lega accusa Montezemolo

Insieme alla delusione dei supporter per il mondiale di Formula 1 sfumato per Fernando Alonso, l'indomani dell'inconorazione di Sebastian Vettel a Campione del Mondo 2010 è vivacizzato da un velenoso battibecco a mezzo stampa fra Luca Cordero di Montezemolo e Roberto Calderoli.

LEGA CONTRO FERRARI
Commentando il dopo GP di Abu Dhabi, il Ministro della Semplificazione aveva chiesto le dimissioni immediate di Montezemolo "'Ci ha fatto vergognare di essere tifosi, si dimetta entro sera'', aggiungendo "Al posto di fare il grillo parlante della politica senza beccarne mai una dovrebbe imparare dagli altri come si fa a gestire una vittoria. La Ferrari e' riuscita a perdere un Mondiale gia' vinto - ha analizzato il leghista - grazie alla demenziale strategia operata dai box. E visto che a perdere questo titolo sono stati gli strateghi ai box, chi e' responsabile di questa disfatta deve andarsene''. Dello stesso avviso, sebbene usi parole più misurate, anche il viceministro alle Infrastrutture Roberto Castelli: "Se dovessi usare lo stesso metro di giudizio che Montezemolo usa nei confronti del nostro governo - sottolinea il viceministro alle Infrastrutture - dovrei dire che Alonso ha perso il Mondiale a causa della gestione dilettantesca della corsa con lui ai box''. ''Invece - e' la chiosa sarcastica - dico che mi dispiace molto e faccio i piu' sinceri auguri alla Ferrari di poter vincere l'anno prossimo''. ''Se Montezemolo avra' in politica la stessa fortuna che ha avuto in Formula Uno - fa eco l'eurodeputato Matteo Salvini - povera Italia!. Sono molto dispiaciuto per la Ferrari ma non per il suo arrogante presidente''.

LA RISPOSTA DI MONTEZEMOLO
Nella sua replica di ieri sera Montezemolo si è limitato a una battuta - "Parliamo di cose serie..." -, ma oggi ha tirato la sua stoccata: "Quando lo statista Calderoli nella sua vita avrà realizzato l'1% di quanto fatto in questi anni dalla Ferrari per il Paese in termini industriali e sportivi, a quel punto meriterà una risposta". In difesa del numero 1 del Cavallino si è schierato anche Sergio Marchionne, secondo il quale "Le battute sarcastiche, soprattutto di provenienza dal mondo politico, che sono piovute sugli uomini della Ferrari e in particolare su Luca di Montezemolo sono del tutto ingenerose e offensive". Si dice "Stupito" il Vice Presidente Piero Ferrari "e amareggiato per certe dichiarazioni che alcuni politici e un Ministro della Repubblica hanno rilasciato dopo la gara di ieri. Nella mia vita in Ferrari non è mai successo che la politica intervenisse nei momenti belli e brutti della nostra vita sportiva e vorrei che fosse sempre così. Se poi vogliamo vedere quanto la Ferrari ha fatto nel mondo per l'immagine dell'Italia, posso solo dire senza tema di smentita che è sicuramente molto di più di quanto abbia fatto certa politica".

MARANELLO: "VIZIO ITALIANO"
La replica ufficiale del Cavallino è affidata ad una nota stampa, dove si legge: "Ci dispiace invece vedere che c'è qualche politico che, stando alla finestra, una volta è pronto a saltare sul carro del vincitore, l'altra reclama la ghigliottina quando le cose vanno male. E non capiamo nemmeno chi si compiace con l'autoflagellazione, chi si crogiola nella cultura del 'tutto sbagliato, tutto da rifare'. Sono vizi molto italiani, che dovremmo imparare a scrollarci di dosso. La dura legge dello sport vuole un solo vincitore ma quest'ultima gara non deve far dimenticare che siamo arrivati a giocarci il titolo Piloti all'ultimo Gran Premio, compiendo una rimonta eccezionale, quando la critica solo quattro mesi fa ci dava per sconfitti. Siamo rimasti sempre uniti, come una vera squadra, come gli uomini della Ferrari sanno fare: stringendo i denti e non mollando mai la presa". 

178 voti Sondaggio

Condividete le accuse della Lega a Montezemolo?

  
17%

No

  
82%

 

Autore:

Tag: Motorsport , Ferrari , formula 1


Top