dalla Home

Attualità

pubblicato il 12 novembre 2010

Settima laurea ad honorem per Giorgetto Giugiaro

Al designer piemontese il riconoscimento del Politecnico

Settima laurea ad honorem per Giorgetto Giugiaro
Galleria fotografica - Giugiaro: 55 anni di carrieraGalleria fotografica - Giugiaro: 55 anni di carriera
  • Giorgetto Giugiaro - anteprima 1
  • Alfa Romeo 2000 Sprint - anteprima 2
  • Ferrari 250 GT Bertone - anteprima 3
  • Aston Martin DB4 GT Jet Bertone - anteprima 4
  • Gordon Keeble GT - anteprima 5
  • Mazda Luce 1500 - anteprima 6

Nella sua lunga e prestigiosa carriera non è la prima volta, anzi, sono ben sette le lauree honoris causa assegnate a Giorgetto Giugiaro. L'ultima il designer l'ha ricevuta nella sua città, nell'Aula Magna "Giovanni Agnelli" del Politecnico di Torino dove il rettore Francesco Profumo gli ha consegnato la pergamena della Laurea Magistrale ad Honorem in Architettura con questa motivazione: "per la competenza nel risolvere l'intuizione formale con tecnologie e tecniche efficaci e per la sensibilità nella comprensione e anticipazione della cultura, della economia, della domanda e del mercato".

Giugiaro di lauree ad honorem ne ricevute tante - nel 1984 dal Royal College of Art di Londra (design), nel 1996 dall'Università di Rousse, Bulgaria (design), nel 2002 e 2004 dalla Seconda Facoltà di Architettura dell'Università di Napoli (entrambe in architettura), nel 2003 dall'Università di Cordoba, Argentina (in architettura) e, sempre nel 2003, dal College for Creative Studies di Detroit (in architettura) - ma quest'ultima del Politecnico, a 72 anni, sembra averlo emozionato particolarmente. Nella sua lectio magistralis il designer piemontese si è detto "particolarmente onorato ed emozionato nel ricevere questa laurea ad honorem da parte del Politecnico di Torino, uno tra i più rinomati e apprezzati atenei a livello mondiale. Sono inoltre orgoglioso di ricevere questo riconoscimento nella mia città che è stata la culla della storia dell'automobile in Italia".

Ad applaudirlo in prima fila il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, e il ministro della Sanità, Ferruccio Fazio, oltre all'ad di Fiat Sergio Marchionne e Martin Winterkorn e Ferdinand Piech, i vertici di Volkswagen che pochi mesi fa ha rilevato il 90,1% dell'Italdesign e ancor più che in passato si servirà del suo tocco che ha fatto la fortuna di modelli diventate poi pietre miliari della storia dell'auto.

Galleria fotografica - Volkswagen e il design italianoGalleria fotografica - Volkswagen e il design italiano
  • Prototipo Volkswagen Pinin Farina (1952) - anteprima 1
  • Prototipo Volkswagen Pinin Farina (1952) - anteprima 2
  • Volkswagen Maggiolino (1952) - anteprima 3
  • Volkswagen Maggiolino   - anteprima 4
  • Volkswagen Karmann Ghia (Type 14) - anteprima 5
  • Volkswagen Karmann Ghia (Type 34)	   - anteprima 6

Autore:

Tag: Attualità , car design , premi


Top