dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 9 novembre 2010

La Golf elettrica arriva nel 2014

Debutta fra tre anni la Blue-e-motion, discendente della CityStromer di fine anni '80

La Golf elettrica arriva nel 2014
Galleria fotografica - Volkswagen Golf CityStromerGalleria fotografica - Volkswagen Golf CityStromer
  • Volkswagen Golf CityStromer - anteprima 1
  • Volkswagen Golf CityStromer - anteprima 2

Volkswagen ha ufficializzato che nel 2014 verrà avviata la commercializzazione della Golf elettrica, la Volkswagen Golf Blue-e-motion che OmniAuto.it ha avuto l'occasione di provare in anteprima qualche mese fa. Per quella data dovrebbero essere pronte anche concorrenti come la Ford Focus EV e la Volvo C30 DRIVe Electric, ovvero vetture "elettrificate" derivate da progetti tradizionali.

1989: L'"ANTENATA" CITYSTROMER
La Golf elettrica però non è una novità assoluta. Fu già commercializzata infatti all'inizio degli anni '90 con il nome di Golf CityStromer, in un periodo in cui le auto elettriche erano tornate d'attualità, mentre Fiat lanciava la Panda Elettra e Peugeot la 106 elettrica. I primi collaudi iniziarono nel 1976 con una Golf I con motore da 20 kW che permetteva una autonomia di 70 km e una velocità massima di 80 km/h. I test proseguirono fino al 1986 e nel 1989 fu approntata la prima Golf CityStromer derivata dalla Golf II, che raggiungeva i 50 km/h in 13 secondi e aveva una velocità massima di 100 km/h grazie ad un motore da 18,5 kW. Le 16 batterie al piombo-gel da 96V e 120 Ah si ricaricavano dalla rete 220V e permettevano un'autonomia di appena 50 km, ma non consentivano di alimentare i servizi ausiliari, tanto che il riscaldamento funzionava... a gasolio.

1993: LA SECONDA GENERAZIONE
La Golf III fu lanciata nel 1991 e nel 1993 arrivò anche la corrispondente versione CityStromer realizzata in joint venture con Siemens. Le batterie sempre al piombo-gel si ricaricavano in un'ora e mezzo all'80% e permettevano ancora un'autonomia di 50 km, ma si poteva arrivare a 90 km mantenendosi a velocità cittadine costanti, questa volta grazie ad un sistema di recupero dell'energia in frenata. Il motore da 17,5 kW permetteva una velocità massima di 100 km/h ed era insolitamente abbinato ad un cambio manuale a 4 rapporti, invece delle trasmissioni dirette o CVT tipiche dei veicoli elettrici. Furono costruiti solo 120 esemplari di Golf CityStromer dal 1993 al 1996, tutti praticamente identici alla Golf con motore termico.

Galleria fotografica - Volkswagen Golf Blue-e-motionGalleria fotografica - Volkswagen Golf Blue-e-motion
  • Volkswagen Golf Blue-e-motion - anteprima 1
  • Volkswagen Golf Blue-e-motion - anteprima 2
  • Volkswagen Golf Blue-e-motion - anteprima 3
  • Volkswagen Golf Blue-e-motion - anteprima 4
  • Volkswagen Golf Blue-e-motion - anteprima 5
  • Volkswagen Golf Blue-e-motion - anteprima 6

Scegli Versione

Autore:

Tag: Anticipazioni , Volkswagen , auto elettrica


Top