dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 8 novembre 2010

Gomme da neve: niente obbligo a Milano, un pasticcio risarcibile?

Per OmniAuto.it, chi le ha comprate potrebbe chiedere i danni

Gomme da neve: niente obbligo a Milano, un pasticcio risarcibile?

Il dietrofront della Provincia di Milano sugli pneumatici invernali lascia perplessi. Il 19 ottobre, tutti davano per certo che la Provincia di Milano avesse adottato una precisa ordinanza; che prevedeva un obbligo particolare: dal 15 novembre 2010 al 31 marzo 2011, sui 900 chilometri di strade provinciali milanesi (non della città), le auto potranno circolare solo con pneumatici invernali montati o con catene da neve a bordo, anche in assenza di neve sulle strade. Questo era emerso anche dalla conferenza stampa cui OmniAuto.it aveva partecipato, e questo è stato riportato nelle scorse settimane dai mass media. Ma ora si scopre che l'ordinanza non era stata firmata e che si trattava di uno schema d'ordinanza: lo dice la Provincia qui. Chi ci capisce è bravo.

SOLDI INDIETRO
Comunque, dando per scontata la buona fede della Provincia di Milano, che intende tutelare solo gli automobilisti dalle speculazioni sui prezzi degli pneumatici invernali e delle catene (ma era un effetto così imprevedibile?), OmniAuto.it punta l'attenzione su aspetti più pratici: i soldi. A nostro giudizio ci sono gli estremi per chiedere i danni alla Provincia di Milano stessa. Chi ha comprato le gomme sulla spinta dell'ordinanza provinciale, può tentare una citazione a giudizio, rivolgendosi al Giudice di pace. La legge su cui basarsi è l'articolo 2.043 del Codice civile: la Responsabilità extra contrattuale ("Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno"). Si può fare da sé; però, quando si instaura il contraddittorio, di fatto è necessario un avvocato che fronteggi gli agguerriti legali della controparte.

C'È PURE LO STRESS
Ma quanto denaro balla? Anzitutto, si chiede alla Provincia la restituzione della spesa affrontata per gli pneumatici invernali. Occorre dimostrare che quell'acquisto non sarebbe mai avvenuto, senza l'ordinanza, specie in un periodo così difficile dal punto di vista economico per le famiglie. Va poi considerato e monetizzato il disagio sofferto dall'automobilista, che sotto stress si è rivolto in fretta a un gommista. Perché il preavviso dato dalla Provincia è stato minimo: dal 19 ottobre (data dell'ordinanza) entro il 15 novembre, data di inizio dell'obbligo.

ORA VEDIAMO IL BICCHIERE MEZZO PIENO
Abbiamo voluto evidenziare la possibilità di impegnarsi in un'azione legale per una mera questione di principio: l'automobilista non può essere vittima della confusione del legislatore. E' però altrettanto giusto ricordare che gli pneumatici invernali rimangono un equipaggiamento molto importante per viaggiare in sicurezza. E questo a prescindere da qualsiasi ordinanza. Al tema abbiamo dedicato un approfondimento a cui vi rimandiamo, certi che alla fine vi convincerete ad usare le vostre nuove gomme chiudendo un occhio sul "come" vi hanno convinti ad acquistarle...

Autore: Redazione

Tag: Attualità , pneumatici , pneumatici invernali


Top