dalla Home

Curiosità

pubblicato il 7 novembre 2010

Sulle strade di Paperopoli e Topolinia

Le auto dei personaggi Disney

Sulle strade di Paperopoli e Topolinia
Galleria fotografica - Le auto dei personaggi DisneyGalleria fotografica - Le auto dei personaggi Disney
  • © Disney, per gentile concessione di The Walt Disney Company Italia S.r.l. - anteprima 1
  • © Disney, per gentile concessione di The Walt Disney Company Italia S.r.l.   - anteprima 2
  • © Disney, per gentile concessione di The Walt Disney Company Italia S.r.l. - anteprima 3
  • © Disney, per gentile concessione di The Walt Disney Company Italia S.r.l. - anteprima 4
  • © Disney, per gentile concessione di The Walt Disney Company Italia S.r.l. - anteprima 5
  • © Disney, per gentile concessione di The Walt Disney Company Italia S.r.l. - anteprima 6

L'Automobile è forse l'unico prodotto tecnologico che ha guadagnato un posto nella società senza essere declassato a banale "elettrodomestico". E in quanto parte integrante delle società moderne (almeno in senso occidentale), l'automobile ha pervaso ogni aspetto della comunicazione: pensiamo alla letteratura, al cinema, alla televisione, ai cartoni animati... ai fumetti. In quest'ultimo campo, particolare rilevanza assolve l'interpretazione che se ne fa dell'auto. Per poter essere rappresentata a dovere, un'automobile deve racchiudere in sé tratti salienti ed originali, tali da poter essere amplificati, né più né meno di come fanno i caricaturisti nel disegnare i volti. Si passa dalle semplice trasposizione grafica, più o meno fedele, di modelli reali (e si pensi, ad esempio, al Maggiolone cabrio di Dylan Dog), fino a giungere a vere e proprie interpretazioni caricaturali, come da anni fanno i disegnatori Disney.

DALLA AUSTIN A DI PAPERINO ALLA 113
La dinastia di personaggi del mitico fumettista statunitense ha sempre fatto largo uso di autoveicoli, anche per sottolineare al meglio la personalità dei soggetti. L'American Austin Model A roadster modello 1930, ad esempio, è stata fondamentale per identificare un personaggio come Donald Duck, che in italiano è diventato - per assonanza - Paolino Paperino. Le dimensioni compatte - inusuali per il mercato statunitense - e il design essenziale ed elegante, antitesi dell'automobile come "protesi maschile dell'identità di genere" ben si legavano ad un personaggio i cui tratti rimanevano infantili e lontani da quelli di un adulto, nonostante avesse una "quasi fidanzata" e dovesse occuparsi dei suoi tre nipotini che trovavano posto, solo quando necessario, nel bagliaio dell'auto, attrezzato a strapuntino posteriore (caratteristica che ritroviamo, identica, nel modello reale). E la Austin A divenne la celeberrima 313. Se per motorizzare Paperino ci si è rivolti ad una ben identificabile - e nota - vettura reale, è più complesso trovare analogie anche con gli altri personaggi. Riusciamo a riconoscere il pick-up Ford modello 1931 che è solito utilizzare Orazio Cavezza (Horace Horsecollar), cavallo antropomorfo che, da originaria prima spalla di Topolino, ha acquisito nell'ambito metropolitano di Topolinia (Mousetown, ideale città concepita dal disegnatore Gottfredson), la professione di artigiano riparatutto. Fedele e un po' svampito compagno della vacca Clarabella, già giornalista d'assalto, in onore al ruolo di "artigiano radicale", Orazio appare sempre coinvolto in qualche attività manual-ricreativa e per questo, quale mezzo gli si potrebbe adattare meglio se non il pick-up per antonomasia? E il "truck" Ford modello 1931 pare abbia risposto pienamente all'esigenza. Topolino, dal canto suo, è stato forse il personaggio che più di tutti ha cambiato auto nella sua carriera. Agli esordi si muoveva su una cabrio simile alla 313 di Paperino, per poi variare più volte vettura, a seconda del periodo. Negli anni Sessanta, però, si è andata delineando l'immagine dell'automobile-tipo di Topolino che, in ossequio alla sua figura - mai compiutamente definita - di detecitve, avrebbe dovuto muoversi su un veicolo che ben rimarcava la sua immagine. Ecco quindi, che emerge - grazie anche all'apporto della Disney Italiana - l'abbinamento tra la figura di Mickey Mouse con quella di un classico della produzione automobilistica americana: la Ford Thunderbird modello 1957. A dire il vero, questa si tratta - più delle altre - di un'interpretazione per analogie: i fari con palpebre evidenti, la foggia della calandra, l'andamento della linea di cinture e le codine posteriori costituiscono più di un rimando tra la citata Thunderbird e l'auto targata "113". Per rimanere in tema di analogie la targa, ideata dal disegnatore italiano Romano Scarpa come variazione del numero originiario 1313, è coincidente con il numero di emergenza della nostra Polizia di Stato, entrato in funzione nel 1968, e Topolino è ormai assodato che collabori proprio con la polizia - di Topolinia - in qualità di detective privato.

NONNA PAPERA, ECOLIGISTA ANTE-LITTERAM
Ritornando a Duckburg (l'italiana Paperopoli), ed avendo cura di percorrere la tangenziale, per scansare le limousine di Paperon de' Paperoni e del suo acerrimo rivale Rockerduck in giro per il centro - se non altro perchè poco affini al recente "sentimento ecologista" che ci pervade - si può giungere alla fattoria di Elvira Duck "Nonna Papera" in cui, ancora oggi, sopravvive un secolare esemplare di Ohio Model M modello 1910. L'auto, una vettura di medie dimensioni, è forse la più sensazionale tra i modelli abbinati a personaggi Disney. L'intelligente, bucolica, vegliarda "paperopolese", oltre a redarguire costantemente il vecchio Paperone per le sue spigolature, si muove su questo pezzo da museo a propulsione elettrica: circa 3 CV per spingere cinque persone a 30 km/h in un raggio di circa 50 km. Insomma, con pochi esempi abbiamo scoperto come un albo Disney possa riservare all'appassionato molto più di quello che si potrebbe pensare. A proposito, una dritta: se vi doveste trovare nei pressi di Topolinia, occhio a Pippo. Anche se qualcuno l'ha visto ogni tanto su una AMC Pacer, di solito gira su un rottame, una vecchia Ford T con targa "114" che, stando ad una confidenza del Commissario Basettoni, pare non aver passato le ultime 4 revisioni. Uomo avvisato...

Foto da Internet

Autore: Salvatore Loiacono

Tag: Curiosità , VIP


Top