dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 ottobre 2010

Volvo, fuel cell come range extender

Ampliare l'autonomia con l'idrogeno prodotto attraverso il reforming

Volvo, fuel cell come range extender
Galleria fotografica - Progetto One Tonne LifeGalleria fotografica - Progetto One Tonne Life
  • Progetto One Tonne Life - anteprima 1
  • Progetto One Tonne Life - anteprima 2
  • Progetto One Tonne Life - anteprima 3
  • Progetto One Tonne Life - anteprima 4
  • Progetto One Tonne Life - anteprima 5

Volvo annuncia di aver iniziato la sperimentazione delle celle a combustibile come passo successivo all' auto elettrica alimentata a batteria per ncrementarne l' autonomia. Per portare avanti lo sviluppo di questo nuovo progetto, la casa svedese si avvarrà della collaborazione scientifica della Swedish Energy Agency e prevede di mettere su strada entro il 2012 i due primi prototipi realizzati sulla base della C30 DRIVe Electric, utilizzata anche per portare avanti il progetto dell'auto elettrica in collaborazione con Ford.

Il concetto sul quale i tecnici di Goteborg stanno lavorando con l' apporto della Powercell Sweden AB - già partner per il progetto di ibrido plug-in Diesel del quale OmniAuto.it ha fornito molti dettagli - è di sfruttare le celle a combustibile come un range extender alimentandole con l' idrogeno prodotto da un reformer. Volvo non precisa però se si tratta di un dispositivo alloggiato a bordo della vettura o all' esterno. Nel primo caso è ipotizzabile l' uso di un combustibile liquido, probabilmente bioalcol che rientra tra i rinnovabili, un'ipotesi alla quale Volvo sta già lavorando. Nel secondo caso potrebbe trattarsi di un reformer domestico alimentato a gas (preferibilmente metano, non derivato dal petrolio), simile a quello concepito da Honda per la sua FCX Clarity.

Con il reforming l' idrocarburo viene scomposto in idrogeno, acqua e CO2, ma sempre in modo più efficiente e pulito della combustione e in assenza di monossido di carbonio, ossidi di azoto, composti solforosi e particolato. L'obiettivo di Volvo è aggiungere ai 150 km consentiti dalla batteria altri 250 km di autonomia per un totale di 400 km. Una decisione definitiva sull'industrializzazione di questa soluzione sarà presa dopo la sperimentazione e dunque è difficile che la vedremo, in ogni caso, sulle strade prima del 2015.

Galleria fotografica - Volvo C30SGalleria fotografica - Volvo C30S
  • C30S - anteprima 1
  • C30S - anteprima 2
  • C30S - anteprima 3
  • C30S - anteprima 4
  • C30S - anteprima 5
  • C30S - anteprima 6

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , Volvo , inquinamento


Top