dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 ottobre 2010

Il sesso in auto "costa" fino a tre anni di carcere

La Cassazione ribalta una sentenza di primo grado e condanna una coppia

Il sesso in auto "costa" fino a tre anni di carcere

Fare sesso in auto significa rischiare fino a tre anni di reclusione. Lo conferma una recente sentenza della Corte di Cassazione che sta facendo molto discutere in questi giorni e che recita testualmente: "Praticare attività sessuale che comporti qualsiasi tipo di nudità, è di per sé da considerarsi un'offesa al pudore ed alla pubblica decenza in qualsiasi condizione, anche se si è in luoghi isolati e non illuminati, in quanto sono sempre da considerare luoghi pubblici, e quindi fruibili da tutti i cittadini, bambini e minorenni compresi".

Tutto è iniziato quando una coppia è stata scoperta ad amoreggiare in auto e, dopo essere stata denunciata dai Carabinieri che li avevano sorpresi a consumare un rapporto completo nel parcheggio di una discoteca (alle 3 del mattino), è arrivata a patteggiare un mese di reclusione. Ora però la sentenza di primo grado del Tribunale di Arezzo è stata ribaltata da quella della Corte di Cassazione, che li ha condannati a tre anni. Secondo i giudici della Suprema Corte fare sesso in auto, anche se in disparte e di notte, è un reato che merita tre anni di carcere. I più maliziosi potrebbero obiettare che un escamotage sarebbe quello di oscurare i vetri dell'auto, magari con dei giornali o addirittura con i vestiti, ma sta di fatto che con questo precedente la Cassazione decide che fare l'amore in auto costa fino a 1095 giorni di reclusione.

Autore:

Tag: Curiosità , lifestyle


Top