dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 17 febbraio 2006

Dodge Hornet: la prima ultracompatta USA

Dodge Hornet: la prima ultracompatta USA
Galleria fotografica - Dodge HornetGalleria fotografica - Dodge Hornet
  • Dodge Hornet - anteprima 1
  • Dodge Hornet - anteprima 2
  • Dodge Hornet - anteprima 3
  • Dodge Hornet - anteprima 4
  • Dodge Hornet - anteprima 5
  • Dodge Hornet - anteprima 6

Alzi la mano chi ha presente un auto "Made in USA" più corta di quattro metri...
Probabilmente nessuno, perché non esiste. L'aggettivo "compatto" è infatti difficile da conciliare con i prodotti americani, specie quando si tratta automobili.

Qualcosa però potrebbe cambiare nei prossimi anni, vuoi perché anche dall'altra parte dell'Oceano ci si comincia a preoccupare del costo della benzina e dell'efficienza energetica in generale, vuoi perché il successo dei marchi europei e giapponesi dimostra che anche agli americani piacciono auto comode ma anche agili e, perché no, piacevoli da guidare.

E allora ecco una prima sperimentazione che sarà presentata nel cuore dell'Europa in occasione del Salone di Ginevra dal marchio Dodge, la Hornet. Questa vettura destinata a collocarsi nel segmento B, vuole coniugare le dimensioni (e le prestazioni) di un auto europea con uno stile tipicamente Yankee. Le misure del corpo vettura parlano chiaro: 3.846 nmm di lunghezza (meno di una Grande Punto o di una Clio!), 1.566 di altezza e 1.932 mm di larghezza.

Una compattezza mai vista, ma inversamente proporzionale alla grinta espressa del design. La Hornet appare cattiva, ancorata all'asfalto da qualunque angolazione la si osservi. Il frontale richiama gli stilemi tipici del marchio Dodge, ma è rafforzato da ampie prese d'aria e da passaruota laterali a dir poco muscolosi. Altra particolarità stilistica è data dalla superficire vetrata realizzata in una tonalità di azzurro a contrasto con il colore argento della carrozzeria. "L'idea è quella di rendere disponibile la vettura con una gamma limitata di tonalità," ha spiegato Moushegian. "Il cliente può scegliere per i vetri le tonalità a contrasto che preferisce."

Gli interni sono altrettanto sportivi, ma versatili. I sedili sono frazionabili (40-60) e ribaltabili per creare una superficie di carico perfettamente piatta. Il divanetto posteriore può inoltre scorrere per variare lo spazio per gambe dei passeggeri e bagagliaio.

Sotto al cofano pulsa un inedito 1.6 16v quattro cilindri e sovralimentato, capace di 170 cavalli e di una coppia massima di 224 Nm. Quanto basta per stimare un tempo di scatto 0-100 km/h di soli 6.7 secondi e una velocità massima di 209 km/h.

Autore: Alessandro Lago

Tag: Prototipi e Concept , Dodge


Top