dalla Home

Attualità

pubblicato il 26 ottobre 2010

Google Street View dovrà segnalare le proprie auto

Per il Garante ha l'obbligo di pubblicizzare il passaggio su web, radio e stampa

Google Street View dovrà segnalare le proprie auto

Le auto che Google impiega per catturare le immagini del servizio Street View sono finite nel mirino dell'Autorità Italiana Garante per la protezione dei dati personali che, unica autorità europea ad adottare una norma simile, ha stabilito che i cittadini devono essere informati del passaggio delle auto di Google Street View tramite il web, i giornali e la radio. Altrimenti pioveranno multe salate.

QUESTIONE DI PRIVACY
L'attuale raccolta di immagini, che viene effettuata con auto dotate di videocamere panoramiche, secondo il Garante è contraria all'articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali. I cittadini, cioè, devono poter scegliere di sottrarsi alla "cattura" delle immagini, allontanandosi se lo vogliono dal luogo di ripresa. Ciò può avvenire soltanto attraverso una adeguata pubblicità del passaggio delle auto, che oggi viene già effettuata da Google, ma che il Garante ritiene insufficiente.

COSA FA OGGI GOOGLE
Google attualmente indica in maniera approssimativa sulla pagina web del servizio Street View dove si trovano le sue auto e attraverso un sistema di segnalazione online offre la possibilità di far rimuovere un'immagine in cui compare un volto o una targa, che vengono sempre e comunque oscurati con un sistema software automatico.

COSA DOVRA' FARE
La soluzione adottata dal Garante per la privacy è una mazzata per il colosso di Mountain View. E' stato stabilito che entro trenta giorni Google dovrà: informare gli interessati individuando con un sufficiente livello di approssimazione le località visitate dalle vetture di Street View tenendo conto della ampiezza delle suddette località, mediante il suo sito web nei tre giorni antecedenti l'inizio della raccolta delle immagini. Per le grandi città sarà necessario indicare i quartieri in cui circoleranno le vetture; informare gli interessati anche tramite la pubblicazione, sulla pagina di cronaca locale di almeno due quotidiani, nonché mediante diffusione per mezzo di un'emittente radiofonica locale, di un avviso per ogni regione visitata che informi sui luoghi in cui circoleranno le vetture; predisporre sulle Google Carscartelli o adesivi ben visibili che indichino che stanno acquisendo immagini fotografiche istantanee. Ad ogni inosservanza delle prescrizioni del Garante, per Google scatterà una sanzione che può arrivare fino a 180.000 euro.

LA RISPOSTA DI MOUNTAIN VIEW
''Abbiamo un dialogo costante con l'Autorià Garante per la protezione dei dati personali - sostiene Google in una nota stampa - e continueremo a rispondere alle loro domande e confrontarci con loro come abbiamo fatto sino ad ora. Tra l'altro - prosegue la società californiana - segnaliamo che ci sono gia' numerosi strumenti che utilizziamo per informare i cittadini. Per esempio, in questa pagina web si trovano informazioni dettagliate e semplici, anche in forma di video, su StreetView e la privacy, qui invece c'e' il dettaglio, costantemente aggiornato, di dove si trovano i veicoli che effettuano le riprese di StreetView in questo momento''.

239 voti Sondaggio

Secondo voi Google Street View è una minaccia per la privacy?

No

  
77%

  
22%

 

Autore:

Tag: Attualità , google


Top