dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 22 ottobre 2010

Cartelli "fuorilegge"

Il 48% dei segnali verticali non è conforme al nuovo Codice della Strada

Cartelli "fuorilegge"

La segnaletica stradale in Italia versa in un pessimo stato, ancora peggiore di quanto si possa pensare. Il 48% dei segnali verticali non è conforme al nuovo Codice della strada e la segnaletica orizzontale non è a norma con una media del 93% rispetto agli standard europei. Se ne è tornato a parlare ieri nel corso della presentazione del piano per la sicurezza stradale realizzato dal III Municipio di Roma negli ultimi tre anni. Solo all'interno di questo spazio urbano "sono stati individuati 22 black point, un'incidenza elevata delle 2 ruote negli incidenti e la concentrazione del rischio in concomitanza delle intersezioni, soprattutto per l'alta percentuale di residenti anziani nel quartiere", ha spiegato Dario Marcucci, Presidente del Municipio.

Oggi, all'indomani delle modifiche al Codice della strada, "siamo in allarme per i tempi di emanazione dei relativi decreti attuativi che devono chiarire come i proventi contravvenzionali dovranno finanziare la manutenzione delle nostre strade", ha detto Paolo Mazzoni, Consigliere delegato ai Rapporti istituzionali di Assosegnaletica (ANIMA/Confindustria), ricordando come da anni si è in attesa del recepimento nel nostro Paese della Direttiva europea sull'uso corretto della segnaletica orizzontale. Il presidente del III Municipio ha assicurato che un quarto delle risorse dovrebbe essere destinato alla manutenzione (l'appuntamento è al consuntivo 2010 per verificare quanto realmente sarà realizzato), ma quando il problema verrà affrontato a livello nazionale resta un mistero. Una svolta potrebbe arrivare grazie alla spinta dell'Unione europea, che da tempo pensa di uniformare la segnaletica in tutti i Paesi. Si pensi che, da un'indagine pubblicata nel 2008 è emerso che il 61% degli automobilisti Ue sbaglia strada per colpa delle cattive indicazioni, e indovinate quale segnale stradale è stato eletto dai partecipanti al sondaggio come il più strano e incomprensibile? "Purtroppo" ha vinto un cartello italiano piuttosto vago che si trova sulla strada Cuneo-Asti in Piemonte.

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top