dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 21 ottobre 2010

Obbligo di pneumatici invernali: i nostri 7 dubbi

OmniAuto.it chiede chiarimenti alla Provincia di Milano

Obbligo di pneumatici invernali: i nostri 7 dubbi

La decisione della Provincia di Milano di introdurre per la prima volta in Italia l'obbligo di montare degli pneumatici invernali o di avere le catene a bordo quando si viaggia in inverno su strade provinciali, continua a far discutere. Se il fine - migliorare la sicurezza stradale - non può che esser condivisibile, i modi con cui è stata presa questa misura lasciano spazio a troppi interrogativi e contraddizioni che confondono gli automobilisti sulle reale utilità di questi equipaggiamenti. Il rischio è che il provvedimento sia percepito come l'ennesimo balzello mascherato da "legge a fin di bene". OmniAuto.it ha individuato in particolare sette questioni pratiche che chiediamo alla Provincia di spiegare per coerenza, trasparenza e chiarezza nei confronti degli automobilisti. Vediamole insieme.

1 - COME RICONOSCERE UNA STRADA PROVINCIALE
Anche in assenza di neve, l'obbligo in vigore dal 15 novembre al 31 marzo di pneumatici invernali montati o di catene a bordo vale solo sulle strade provinciali di Milano (900 chilometri), ma non in città, né su altre strade gestite da altri Enti locali. Niente strade statali, insomma, o regionali, comunali... Ecco quindi il problema: come fa l'automobilista medio a capire quale strada sta percorrendo? Non è sempre facile individuare il tipo di strada ed il rischio è dunque quello di subire multe perché non si capisce su che strada si sta viaggiando.

2 - CI SONO STRADE MENO PERICOLOSE DI ALTRE
L'auspicio (dichiarato nel comunicato ufficiale) della Provincia di Milano è che altri Enti locali adottino lo stesso provvedimento, la stessa ordinanza. Quello che ci chiediamo è come mai solo sulle strade provinciali attorno a Milano sia previsto l'obbligo: le altre strade sono meno pericolose?

3 - GOMME O CATENE?
La norma del nuovo Codice della strada a cui fa riferimento la Provincia di Milano introduce una perfetta equivalenza tra pneumatici invernali e "catene a bordo", non più "catene montate", senza un preciso limite "in caso di neve". I due dispositivi però non hanno la stessa funzione: gli pneumatici invernali sono importanti per aumentare l'aderenza, oltre che sulla neve, su fondi stradali bagnati e con temperature ambientali inferiori ai 7° C. Le catene sono utili solo quando la strada è interamente coperta di neve, specie se battuta o magari ghiacciata. E non si possono certo montare per pochi millimetri di nevischio fresco. Alla Provincia chiediamo: il pericolo c'è sì o no? È necessario avere la massima aderenza, sì o no?

4 - GLI AUTOMOBILISTI VANNO INFORMATI
Nell'ordinanza è previsto che gli automobilisti della Provincia di Milano saranno informati del nuovo obbligo attraverso i mezzi di informazione e pubblicità. Noi riteniamo che non sia sufficiente in tempi così stretti. Non sarebbe importante prevedere una segnaletica specifica, al pari del cartello che avvisa dell'obbligo di pneumatici invernali montati o di catene a bordo non è la solita ruota catenata con fondo blu? In particolare, devono essere chiare le date: "Dal 15 novembre 2010 al 31 marzo 2011, obbligo di pneumatici invernali montati o di catene a bordo sulle strade provinciali di Milano".

5 - LA SPESA PER LE FAMIGLIE?
Qualcuno sostiene che, per le auto prive degli pneumatici invernali, il problema sia facilmente risolvibile comprando catene da neve e riponendole nel baule. È davvero così? In realtà, se un modello è dichiarato "non catenabile" dalla Casa, non resta che comprare le gomme invernali. Il guaio è proprio che un numero sempre più elevato di macchine (con cerchi in lega) è "non catenabile". La Provincia, al momento di emettere l'ordinanza, era ben consapevole che avrebbe costretto a una forte spesa gli automobilisti?

6 - LA RIVALSA DELLE ASSICURAZIONI
La Provincia è consapevole di favorire con questa regola le Compagnie di assicurazioni? Scatta infatti la rivalsa: se si causa un incidente senza pneumatici invernali montati, la Compagnia assicurativa paga i danni, ma poi potrebbe rivalersi sul cliente facendosi ridare il rimborso. L'Assicurazione deve dimostrare (con una perizia) che l'assenza di gomme invernali montate ha causato il sinistro o ha aggravato le conseguenze dell'impatto (si pensi ad un tamponamento in presenza di neve sull'asfalto. In questo caso con le gomme da neve si sarebbe potuto evitare l'impatto).

7 - TROPPO POCO PREAVVISO
Ultimo, ma non meno importante, è l'interrogativo sulla tempistica di questo provvedimento. È vero che il Codice della strada è stato riformato ad agosto e che quindi la possibilità, per gli Enti locali, di imporre pneumatici invernali montati o di catene a bordo è fresca, ma la Provincia di Milano poteva dare più tempo agli automobilisti per informarsi e organizzare l'acquisto degli equipaggiamenti richiesti. Era davvero necessario accelerare in questo modo l'entrata in vigore della legge con il rischio, appunto, di ingenerare tutte queste polemiche?

Scarica il provvedimento

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale , pneumatici , milano , pneumatici invernali


Top