dalla Home

Mercato

pubblicato il 20 ottobre 2010

Cadillac, ritorno in Europa

Si riparte con 3 modelli e un’organizzazione super snella per il marchio di lusso GM

Cadillac, ritorno in Europa
Galleria fotografica - Cadillac Escalade Hybrid 2011Galleria fotografica - Cadillac Escalade Hybrid 2011
  • Cadillac Escalade Hybrid 2011 - anteprima 1
  • Cadillac Escalade Hybrid 2011 - anteprima 2
  • Cadillac Escalade Hybrid 2011 - anteprima 3
  • Cadillac Escalade Hybrid 2011 - anteprima 4
  • Cadillac Escalade Hybrid 2011 - anteprima 5
  • Cadillac Escalade Hybrid 2011 - anteprima 6

Cadillac ritorna in Europa e stavolta, dopo il fallimento di Kroymans - l'azienda olandese alla quale aveva affidato la commercializzazione di Cadillac, Corvette e Hummer nel Vecchio Continente - lo fa con General Motors in prima persona e una gamma composta da CTS, SRX e Escalade, dunque senza più la STS oltre alla berlina media BLS e al coupé-cabriolet XLR, entrambe uscite di produzione. La Cadillac Europe ha sede a Zurigo e condivide tutte le attività di back office e assistenza con Chevrolet, ma il team dedicato avrà solo 8 persone con a capo il tedesco Wolfgang Schubert.

BUSINESS MODEL MOLTO SNELLO
Particolare il modello di business con obiettivi di vendita in secondo piano e l'organizzazione assai snella anche per la rete sul territorio. Non ci saranno infatti distributori nazionali, ma solo concessionari che avranno ciascuno un mandato di importatore ufficiale con la possibilità di organizzare autonomamente una subrete di vendita e di post-vendita. Piccoli i numeri anche in questo caso: saranno solo 40 a livello europeo i concessionari, almeno 5 (ma in assetto definitivo saranno 8) solo in Italia mentre negli altri paesi saranno di persino meno. In Francia e in Spagna ad esempio, saranno solo 2 a distribuirsi e gestirsi i rispettivi ambiti nazionali. I punti di assistenza saranno 150 con l'obiettivo di salire a 200 entro un paio di anni.

RICOMINCIARE DA ZERO, MA SENZA FRETTA
Dopo il fallimento dell'operazione di portare Cadillac in Europa facendo leva sui numeri e la gestione di un importatore privato fallito con ancora molte centinaia di vetture nei piazzali, General Motors crede dunque ancora nel suo marchio di lusso. Ha dunque ripreso tutto lo stock di invenduto provvedendo allo smercio, garantito tutti i servizi di post-vendita e infine studiato la formula possibile per restare in Europa. Quella escogitata - secondo i vertici di Cadillac Europe - assicura profitto perché ha un numero minimo di passaggi e non vincola in alcun modo ai volumi di vendita: non ci saranno stock o vetture in pronta consegna, ma solo ordini da parte del cliente che saranno esauditi su misura entro 3 mesi. Cadillac Europe nel 2008 aveva venduto 3mila vetture, 1.300 circa lo scorso anno. La speranza - ma non l'obbligo - è ripetere nel 2011 gli stessi numeri del 2009 e tornare a quota 3 mila l'anno successivo.

TRE MODELLI, A PARTIRE DALLA CTS
A supportare questa strategia ci sono, come anticipato tre modelli. Il primo è la CTS a trazione posteriore e integrale con carrozzeria berlina, station wagon e coupé con motori V6 a iniezione diretta 3 litri da 276 CV e 3,6 litri da 311 CV fino ad arrivare alla stratosferica versione V dotata di motore V8 6,2 litri con compressore volumetrico da ben 564 CV, capace di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,4 secondi e raggiungere 308 km/h. Tutte hanno cambio manuale o automatico a 6 rapporti, anche se per la V - disponibile al momento solo berlina e coupé, ma negli USA c'è già anche la crossover SRX di dimensioni medie (è lungo 4,83 metri) che in Europa sarà disponibile solo con la trazione integrale. A differenza della SRX di precedente generazione, questa è basata sul pianale denominato TE, diverso dal Sigma della CTS che prevede di partenza il motore longitudinale e la trazione posteriore. La nuova SRX ha invece il motore trasversale e la trazione anteriore (disponibile solo negli USA) con il sistema integrale totalmente diverso nel concetto e nei principi di funzionamento da quello della CTS visto che il crossover sfrutta uno schema Haldex molto sofisticato, identico a quello delle Saab e della Opel Insignia. Il motore è uno: il V6 3 litri a iniezione diretta da 268 CV con cambio automatico a 6 rapporti, di costruzione GM come nella CTS. Anche in questo caso gli allestimenti sono due (Elegance e Sports Luxury) con prezzi a partire da 54.899 euro.

ESCALADE, IL GIGANTE AMERICANO
Il terzo modello è l'Escalade, per fortuna solo nella versione "corta" che è lungo appena 5,14 metri - le versioni EXT pick-up e ESV misurano oltre 5,6 metri! - larga 2,01 metri ed alta 1,89 metri. Un mastodonte che offre un abitacolo a 8 posti con un volume di carico immenso. Due le versioni offerte: una con il V8 6,2 litri con cambio automatico a 6 rapporti da 409 CV e un'altra ibrida con motore termico 6 litri da 337 CV e modulo ibrido bimodale - studiato insieme a Daimler che lo ha applicato sulla ML450 Hybrid e a BMW che lo ha applicato sulla X6 ActiveHybrid - integrato nel cambio, anch'esso automatico, ma con un sistema composto da ingranaggi, cambi a variazione continua e due motori elettrici da 60 kW alimentati da una batteria da 300 Volt. Il sistema prevede 4 modalità di funzionamento tra cui quella totalmente elettrica. Entrambi i V8 hanno la distribuzione con albero a camme centrale e 2 valvole per cilindro dotate di sistema Active Fuel Management, cioè la disattivazione di metà dei cilindri quando si viaggia con carichi molto bassi. Qui gli allestimenti sono unici e i prezzi sono di 78.132 euro per la versione di 6,2 litri e di 85.695 euro per la Hybrid.

FUTURO SENZA DIESEL, MA CON DUE NUOVE BERLINE
La sorpresa è che il Diesel, contrariamente a quanto annunciato tre anni fa, non ci sarà. Il famoso V6 2,9 litri biturbo da 250 CV sviluppato da VM e dal centro GM Powetrain di Torino non andrà dunque nel cofano di nessuna Cadillac, almeno per il momento perché non avrebbe senso con 160mila unità prodotte tutte negli USA - ad eccezione delle STS ed Escalade per il mercato russo nello stabilimento di Kaliningrad - approntare un sistema logistico e di produzione per alcune centinaia di vetture facendo viaggiare i motori prodotti a Cento (FE) facendoli poi tornare nei cofani delle vetture dagli USA. Cadillac invece promette una berlina compatta a trazione posteriore (e forse anche integrale) della quale OmniAuto.it ha già parlato che sarà basata su un pianale completamente nuovo, con dimensioni pari a quelle di Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C quindi particolarmente appetibile per l'Europa e tutt'altra cosa rispetto alla più che dimenticabile BLS. Potrebbe chiamarsi ATS. Ci sarà anche una berlina da 5 metri e sarà derivata strettamente dalla XTS Platinum Concept presentata al NAIAS di Detroit nel 2010 con un sistema ibrido plug-in che rappresenta un altro degli orizzonti sicuri di Cadillac per il futuro.

Galleria fotografica - Cadillac CTS Sport Wagon 2011Galleria fotografica - Cadillac CTS Sport Wagon 2011
  • Cadillac CTS Sport Wagon 2011 - anteprima 1
  • Cadillac CTS Sport Wagon 2011 - anteprima 2
  • Cadillac CTS Sport Wagon 2011 - anteprima 3
  • Cadillac CTS Sport Wagon 2011 - anteprima 4
  • Cadillac CTS Sport Wagon 2011 - anteprima 5
  • Cadillac CTS Sport Wagon 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - Cadillac CTS Sport Sedan 2011Galleria fotografica - Cadillac CTS Sport Sedan 2011
  • Cadillac CTS Sport Sedan 2011 - anteprima 1
  • Cadillac CTS Sport Sedan 2011 - anteprima 2
  • Cadillac CTS Sport Sedan 2011 - anteprima 3
  • Cadillac CTS Sport Sedan 2011 - anteprima 4
  • Cadillac CTS Sport Sedan 2011 - anteprima 5
  • Cadillac CTS Sport Sedan 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - Cadillac SRX 2011Galleria fotografica - Cadillac SRX 2011
  • Cadillac SRX 2011 - anteprima 1
  • Cadillac SRX 2011 - anteprima 2
  • Cadillac SRX 2011 - anteprima 3
  • Cadillac SRX 2011 - anteprima 4
  • Cadillac SRX 2011 - anteprima 5
  • Cadillac SRX 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - Cadillac CTS-V Sedan 2011Galleria fotografica - Cadillac CTS-V Sedan 2011
  • Cadillac CTS-V Sedan 2011 - anteprima 1
  • Cadillac CTS-V Sedan 2011 - anteprima 2
  • Cadillac CTS-V Sedan 2011 - anteprima 3
  • Cadillac CTS-V Sedan 2011 - anteprima 4
  • Cadillac CTS-V Sedan 2011 - anteprima 5
  • Cadillac CTS-V Sedan 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - Cadillac CTS-V Coupé 2011Galleria fotografica - Cadillac CTS-V Coupé 2011
  • Cadillac CTS-V Coupé 2011 - anteprima 1
  • Cadillac CTS-V Coupé 2011 - anteprima 2
  • Cadillac CTS-V Coupé 2011 - anteprima 3
  • Cadillac CTS-V Coupé 2011 - anteprima 4
  • Cadillac CTS-V Coupé 2011 - anteprima 5
  • Cadillac CTS-V Coupé 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - Cadillac CTS Coupé 2011Galleria fotografica - Cadillac CTS Coupé 2011
  • Cadillac CTS Coupé 2011 - anteprima 1
  • Cadillac CTS Coupé 2011 - anteprima 2
  • Cadillac CTS Coupé 2011 - anteprima 3
  • Cadillac CTS Coupé 2011 - anteprima 4
  • Cadillac CTS Coupé 2011 - anteprima 5
  • Cadillac CTS Coupé 2011 - anteprima 6

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Cadillac , auto americane , unione europea


Top