dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 ottobre 2010

87 g/km: record di emissioni di CO2 per la Lexus CT200h

L'ibrida premium è ad 1 g dalla smart fortwo 0.8 cdi

87 g/km: record di emissioni di CO2 per la Lexus CT200h
Galleria fotografica - Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010Galleria fotografica - Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010
  • Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010 - anteprima 1
  • Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010 - anteprima 2
  • Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010 - anteprima 3
  • Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010 - anteprima 4
  • Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010 - anteprima 5
  • Lexus CT 200h al Salone di Parigi 2010 - anteprima 6

Ancor prima di arrivare sul mercato un piccolo vanto l'ibrida Lexus CT200h ce l'ha già: quello di essere la segmento C che emette meno anidride carbonica: solo 87 g/km. Non solo: la lussuosa compatta giapponese a sorpresa sale sul podio delle tre vetture con meno emissioni di CO2 sul mercato, superando addirittura le previsioni della stessa Casa costruttrice.

MENO DELLA PRIUS, QUASI COME SMART
Se finora nei dati ufficiali Lexus aveva dichiarato emissioni di CO2 pari a 89 g/km, cioè quanto Toyota Prius e Auris HSD con le quali viene condivisa la piattaforma tecnologica Toyota-Lexus Hybrid Drive, alla prova dell'omologazione la CT200 ha fatto registrare emissioni di CO2 pari a 87 g/km. Meno cioé delle "parenti" Toyota e ad un soffio dalla vettura con i consumi più bassi sul mercato mondiale: la smart fortwo 0.8 cdi, che con 55 CV di potenza (e parecchi cm in meno) ne emette 86 g/km per 158 mg/km di Nox. In pratica la Lexus CT200h eguaglia la segmento B Volkswagen Polo Bluemotion, unica vettura finora al livello della smart, ma la batte per quanto riguarda i NOx: solo 3 mg/km contro 160.

MA COME FA?
Per quanto riguarda il dato sui NOx bisogna considerare che la Lexus CT200h è in grado di percorrere fino a 2 km esclusivamente con l'energia delle batterie, per cui in questa modalità gli ossidi di azoto vengono azzerati. Ma c'è dell'altro. Spiega Lexus che tali prestazioni sono state raggiunte grazie a un sensore di umidità con controllo dell'aspirazione e un sistema di riscaldamento proattivo dei sedili che mantengono più a lungo il calore nella parte sensibile del motore, consentendo così di raggiungere prima la temperatura e lo switch-off; l'utilizzo d'illuminazione LED, che riduce il consumo di energia di circa il 45% rispetto ai gruppi ottici con lampade alogene; un sistema audio con amplificatore ultraleggero che pesa il 26% in meno e consuma il 50% di potenza in meno rispetto a un analogo sistema tradizionale. Rispetto a Prius ed Auris sulla CT200h il motore 1.8 a benzina è stato dotato di un nuovo sistema di ricircolo dei gas di scarico (EGR) più piccolo e leggero e che invia un dosaggio preciso di gas nel sistema di aspirazione, abbassando le temperature operative e riducendo le perdite di pompaggio, oltre ad un sistema di recupero del calore di scarico (HER) sempre più piccolo e leggero che reindirizza più efficientemente i gas di scarico per riscaldare il liquido di raffreddamento del motore all'avviamento.

Galleria fotografica - Lexus CT 200hGalleria fotografica - Lexus CT 200h
  • Lexus CT 200h - anteprima 1
  • Lexus CT 200h - anteprima 2
  • Lexus CT 200h - anteprima 3
  • Lexus CT 200h - anteprima 4
  • Lexus CT 200h - anteprima 5
  • Lexus CT 200h - anteprima 6

Autore:

Tag: Curiosità , Lexus , auto ibride


Top