dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 19 ottobre 2010

A Milano il pneumatico invernale è obbligatorio

Dal 15 novembre scatta la nuova regola, valida anche senza neve

A Milano il pneumatico invernale è obbligatorio

Viaggiare con il pneumatico invernale o con le catene a bordo diventa un obbligo sulle strade della Provincia di Milano a prescindere dalle condizioni metereologiche. In nome della sicurezza stradale, dal 15 novembre al 31 marzo, sarà possibile circolare solo se così equipaggiati, come detta l'ordinanza provinciale - la prima in Italia di questo genere - resa possibile quest'anno dal nuovo Codice della strada. Al primo comma infatti c'è prescritto che "i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio". Attenzione però, il nuovo obbligo potrebbe scattare anche prima del 15 novembre e valere anche oltre il 31 marzo, perché la Provincia scrive: "Tale obbligo assume validità anche al di fuori del periodo indicato al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio".

NON SOLO NELLA PROVINCIA DI MILANO
La nuova norma consente ai proprietari e/o gestori delle strade - come nel caso della Provincia di Milano - di emanare apposite ordinanze in applicazione all'art. 6 del Codice prevedendo che tale obbligo sia accompagnato da uno specifico periodo temporale senza più il vincolo della presenza di neve sul manto stradale. E questo è solo l'inizio. Il provvedimento, secondo Assogomma, verrà adottato anche da altre Provincie italiane con l'obiettivo di migliorare la sicurezza, in quanto i pneumatici invernali sulla neve riducono gli spazi di frenata fino al 50% rispetto a un estivo, senza la necessità di montare le catene, mentre su pioggia e al freddo riducono gli spazi di frenata fino al 15%.

LE SANZIONI
Chi non rispetterà queste ordinanze sarà sanzionabile non solo con multe (che si aggirano attorno ai 75 auto), ma anche con l'allontanamento o il fermo del mezzo. Le Forze dell'Ordine possono infatti ordinare al conducente di non proseguire la marcia perché il veicolo si trova in condizioni tali da costituire un pericolo per la circolazione. Questo ordine, quindi, può essere accompagnato da sanzioni pecuniarie e eventuale sottrazione di punti sulla patente. E' inoltre indispensabile rispettare le misure dimensionali e prestazionali indicate sulla carta di circolazione. Unica eccezione il codice di velocità che può essere inferiore a quello previsto fino alla lettera Q, ma purché vi sia all'interno dell'abitacolo della vettura un adesivo ben visibile che ricordi all'automobilista che la sua vettura non può superare i 160 km/h con quell'equipaggiamento. Il direttore di Assogomma, Fabio Bertolotti, ricorda anche che "i pneumatici devono essere omologati e non hanno limiti di temporali di impiego. Sono generalmente distinguibili visivamente da sottili lamelle sui tasselli e da intagli principali più profondi presenti sul battistrada. È vivamente consigliabile montare 4 gomme invernali, anche se a termine di legge è possibile prevedere un equipaggiamento misto".

Scarica il provvedimento

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale , pneumatici , milano


Top