dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 19 ottobre 2010

Saab 9-4X

Debutto a Los Angeles per il crossover prodotto in Messico con GM. In Europa da agosto

Saab 9-4X
Galleria fotografica - Saab 9-4XGalleria fotografica - Saab 9-4X
  • Saab 9-4X - anteprima 1
  • Saab 9-4X - anteprima 2
  • Saab 9-4X - anteprima 3
  • Saab 9-4X - anteprima 4
  • Saab 9-4X - anteprima 5
  • Saab 9-4X - anteprima 6

La Saab 9-4X debutterà al Salone di Los Angeles (19-28 novembre) segnando l'ingresso della casa svedese nel segmento dei crossover di medie dimensioni. Ispirata al concept 9-4X BioPower presentato al Salone di Detroit del 2008, la 9-4X condivide con la Cadillac SRX la piattaforma (nome in codice TE), con i relativi motori, e lo stabilimento di produzione di Ramos Arizpe, in Messico. Non se ne conoscono le dimensioni definitive, ma dovrebbe avere una lunghezza di 4,8 metri con una capacità del vano bagagli di 485 litri, accessibile attraverso il portellone ad azionamento elettroidraulico, anche con telecomando, e dotato di sistema di carico con paratie di separazione, rotaie e ganci mobili.

AMERICANA NELLA SOSTANZA, SVEDESE NELLO STILE
Lo stile, nonostante le comunanze con altri modelli GM, appare personale e in linea con i dettami tradizionali della casa svedese riportati in auge dalla 9-5. I fari anteriori- bixeno e dotati della regolazione dinamica del fascio in base alla velocità e alla situazione di guida - sono accompagnati dalle caratteristiche feritoie, il parabrezza inoltre sembra fare un corpo unico con la finestratura laterale la cui parte terminale è meno inclinata del lunotto. I fari posteriori sono a LED. Anche negli interni la derivazione Cadillac è evidente nella disposizione dei comandi, ma la forma e il colore usato per l'illuminazione, nonché particolari come la plancia alta con ampie bocchette, danno all'insieme un'innegabile aria di famiglia. Lo schermo da 8 pollici del navigatore serve anche per la telecamera posteriore e il sistema audio è Bose con 10 altoparlanti e dotato di ogni forma di connettività. L'avviamento è a pulsante e il sistema di climatizzazione è a 3 zone, quindi una separata per la zona posteriore che offre un'ampia abitabilità, grazie anche al pavimento piatto.

TRAZIONE E SOSPENSIONI A CONTROLLO ELETTRONICO
Tra le tecnologie di spicco c'è sicuramente il sistema di trazione integrale XWD già impiegato sulla 9-3X e sulla 9-5, capace non solo di ripartire la coppia tra i due assali, ma anche tra le due ruote posteriori in modo da migliorare la risposta dello sterzo, la motricità e la stabilità. Il sistema interagisce anche con il Saab DriveSense, il sistema coordinato di regolazione del telaio che agisce su sospensioni, sterzo, cambio, elettronica di controllo per trazione e stabilità e anche la risposta all'acceleratore. Tre i programmi selezionabili (Sport, Comfort e Intelligent) attraverso una manopola sulla consolle centrale, che diventano 4 sulla Aero con la posizione Eco, tesa a massimizzare l'efficienza.

DUE MOTORI V6 DI ORIGINE GM. E PER IL DIESEL...
Due i motori e tutti e due V6 con cambio automatico a 6 rapporti provvisto di modalità sequenziale, con comandi al volante per le versioni Aero. Si parte dal noto 3 litri a iniezione diretta da 265 CV mentre il più potente è il 2,8 litri con turbocompressore twin scroll da 300 CV e una coppia di 400 Nm costante da 2.000 a 5.000 giri/min. Con l'aspirato la 9-4X raggiunge 210 km/h e chiude lo 0-100 km/h in 9 secondi, con il sovralimentato si spinge fino a 230 km/h con un tempo di accelerazione che si accorcia a 8,3 secondi. Non confermato, almeno per il momento, l'arrivo di versioni a trazione anteriore.

LA SECONDA LINEA DI MODELLI
La 9-4X rappresenta nella visione della nuova proprietà di Saab la seconda delle tre linee di prodotto dopo quella inaugurata dalla 9-5 e destinata ad essere completata con la 9-3. La terza è naturalmente quella della piccola 9-2 per la cui realizzazione sarà invece sfruttata la partnership con BMW. Il nuovo crossover comincerà la commercializzazione negli USA da maggio mentre l'arrivo in Europa è previsto per il mese di agosto. E il Diesel? Potrebbe essere un BMW 4 cilindri anche perché GM non sembra intenzionata - almeno per il momento - a creare una linea logistica tra i motori a gasolio prodotti in Europa e uno stabilimento americano. Tutto dipenderà dai colloqui tra Spyker e il gruppo di Monaco, ma è evidente che Saab deve fare numeri e il Diesel per l'Europa è indispensabile.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Saab , detroit


Top