dalla Home

Mercato

pubblicato il 14 ottobre 2010

Hyundai ix35: quando il successo diventa un problema

I clienti protestano per i lunghi tempi di consegna

Hyundai ix35: quando il successo diventa un problema

Se è vero che il successo di un'auto si misura anche con la lunghezza dei tempi di consegna, allora la nuova Hyundai ix35 può vantare un consenso plebiscitario. Come confermato dalle segnalazioni dei nostri lettori e degli iscritti allo Hyundai Club Italia i giorni d'attesa per avere in Italia il SUV coreano si sono ormai allungati fino a superare i 120 giorni dalla data di sottoscrizione del contratto.

CLIENTI IN ATTESA
Fra i commenti di coloro che hanno stipulato un contratto per la ix35 si segnalano in particolare quelli di chi "confidando nella puntualità e veridicità dei tempi di consegna previsti, ha già dato in permuta la propria auto" o coloro che da quasi 6 mesi non riescono ad ottenere altro che "vaghe promesse d'imminente consegna". Altri, esasperati dall'attesa hanno deciso di cedere il contratto a qualcuno che, più fortunato, ha dovuto aspettare solo poche settimane per avere l'agognato SUV. Tre concessionarie Hyundai da noi interpellate ribadiscono l'entità del problema, parlandoci di tempi superiori ai 150 giorni e di un lotto programmato di 450 vetture mensili per tutta la rete distributiva italiana che non riesce a soddisfare la grande richiesta.

UN SUCCESSO INASPETTATO
Spinti dalle legittime proteste di questi clienti abbiamo contattato i responsabili di Hyundai Motor Company Italy, i quali ci hanno confermato l'esistenza di un "problema ritardi" legato al successo del modello. La Hyundai ix35, infatti, fino al settembre del 2010 è stata consegnata in 3.500 unità sul mercato italiano, superando di slancio l'obiettivo annuale che era stato prefissato in 3.000 esemplari per tutto il 2010. A questo successo commerciale che è andato anche al di là delle più rosee aspettative si sono poi sommate le ottime performance di vendita della ix35 sui principali mercati europei.

FENOMENO EUROPEO
In pratica lo stabilimento slovacco di Zilina non riesce a smaltire la mole di ordinativi ix35 provenienti da tutta Europa e in particolare dall'Italia, dove si sta in parte ripetendo il caso commerciale di Nissan Qashqai, a metà strada fra fenomeno di moda e tripli turni produttivi. Il fatto curioso e per certi versi impressionante è che l'ondata di contratti per ix35 riguarda le versioni spinte dal motore di 2 litri (benzina o diesel) e non le ancora più appetibili motorizzazioni 1.6 benzina e 1.7 CRDi, da poco a listino.

SI SEGUE L'ORDINE CRONOLOGICO
La filiale italiana di Hyundai ci ha comunque confermato che, fermi restando i già citati problemi di approvvigionamento dei veicoli, l'evasione degli ordini più vecchi avviene con buona regolarità rispettandone la cronologia e che le centinaia di clienti in attesa della ix35 ordinata da mesi saranno soddisfatti al più presto.

Iscriviti alla Community

Scrivi un commento

Condizioni d'uso
Top