dalla Home

Mercato

pubblicato il 5 ottobre 2010

La nuova Fiat Panda slitta al 2012

Marchionne riduce gli investimenti e rimanda la produzione a Pomigliano

La nuova Fiat Panda slitta al 2012

L'avvio produttivo della nuova Fiat Panda, sostituta della fortunata Panda seconda serie del 2003 ed erede spirituale della prima Panda, è stato ulteriormente posticipato a gennaio 2012. A dare la notizia è Automotive News, sempre ben informato sulle vicende del gruppo torinese, secondo il quale il debutto della nuova Fiat Panda è stato rinviato a causa di una riduzione degli investimenti voluta da Marchionne.

Si tratta in pratica di una frenata del Piano industriale Fiat, che sul progetto "Fabbrica Italia" e sulla produzione della nuova Panda a Pomigliano d'Arco aveva fatto affidamento per una riorganizzazione degli impianti produttivi italiani. Questo ennesimo rinvio segue quelli già annunciati negli anni passati, che avevano di volta in volta fissato come data di partenza l'estate 2010 e il settembre del 2011. Alcune ombre si allungano quindi sui tempi di ripresa produttiva dello stabilimento campano, dove i lavoratori hanno affrontato mesi di cassa integrazione e un referendum in cui hanno detto sì alla nuova Panda.

Un differimento simile lo subiscono anche altri modelli di importanza strategica per Fiat Auto come le nuove Lancia Ypsilon, Musa e Multipla, che verranno prodotte in Serbia solo dalla seconda metà del 2012. L'idea di Sergio Marchionne, ribadita anche durante il Salone di Parigi, è quella di evitare lanci commerciali importanti in questa fase di crisi del settore auto e di "tenere le cartucce migliori per il rilancio".

Autore:

Tag: Mercato , Fiat , auto italiane , produzione , torino


Top