dalla Home

Curiosità

pubblicato il 4 ottobre 2010

Peugeot 3008 HYbrid4, c'è un po' di "Made in Italy"

Il sistema di trasmissione del motore elettrico posteriore è della GKN a Brunico

Peugeot 3008 HYbrid4, c'è un po' di "Made in Italy"
Galleria fotografica - Peugeot 3008 HYbrid 4Galleria fotografica - Peugeot 3008 HYbrid 4
  • Peugeot 3008 HYbrid 4 - anteprima 1
  • Peugeot 3008 HYbrid 4 - anteprima 2
  • Peugeot 3008 HYbrid 4 - anteprima 3
  • Peugeot 3008 HYbrid 4 - anteprima 4
  • Peugeot 3008 HYbrid 4 - anteprima 5
  • Peugeot 3008 HYbrid 4 - anteprima 6

Un componente essenziale della nuova Peugeot 3008 HYbrid4, la prima auto ibrida Diesel al mondo, è realizzato in Italia e precisamente a Brunico (BZ) dalla GKN Driveline, gigante mondiale dei sistemi di trasmissione che proprio in Alto Adige lo stabilimento nel quale sarà costruito la scatola che integra il riduttore e la frizione che regola l'innesto del motore elettrico posteriore. Come è noto, il crossover francese ha un sistema ibrido composto da un Diesel 2 litri da 163 kW e 300 Nm provvisto di un starter/generatore da 8 kW, particolarmente potente per assicurare un riavvio pronto e senza esitazioni, e accoppiato a un cambio robotizzato a 6 rapporti. Questo serve le ruote anteriori. A quelle posteriori pensa invece un motore elettrico da 27 kW e 200 Nm che è collegato, per l'appunto, attraverso il componente sviluppato e costruito dalla GKN. L'intero sistema, gestito dall'elettronica, consente il funzionamento con il solo motore Diesel, con entrambi e la trazione integrale sfruttando i 200 CV e 500 Nm complessivi fino a 120 km/h o solo con il motore elettrico per circa 4 km e fino a 50 km/h.

L'armonizzazione tra i due propulsori costituisce quindi il fattore fondamentale per un funzionamento perfetto del sistema e la strategia di innesto del motore elettrico rappresenta il componente chiave. La GKN, sfruttando i sistemi già utilizzati per l'innesto della trazione integrale utilizzati da Mazda e Nissan, impiega per questo modulo una frizione multidisco in bagno d'olio a innesto elettromagnetico la cui messa a punto ha richiesto sforzi supplementari per l'entità dei campi magnetici in gioco e per assicurare un innesto progressivo e veloce: meno di 500 ms per lasciare le ruote posteriori libere di girare senza resistenze, chiamarle a trasmettere la spinta del motore elettrico oppure a raccogliere l'energia cinetica in rilascio senza che il guidatore e i passeggeri se ne possano accorgere. Per scoprire l'efficacia della Peugeot 3008 HYbrid4, il cui sistema è destinato a essere applicato a tutte le ibride del gruppo PSA e in particolare del componente che la GKN realizza proprio in Italia, occorrerà aspettare fino alla tarda primavera del prossimo anno quando il crossover francese inizierà la propria commercializzazione.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , Peugeot , auto elettrica


Top