dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 4 ottobre 2010

Nissan Townpod

Il veicolo commerciale diventa un “guscio urbano”, elettrico e sfizioso

Nissan Townpod
Galleria fotografica - Nissan TownpodGalleria fotografica - Nissan Townpod
  • Nissan Townpod - anteprima 1
  • Nissan Townpod - anteprima 2
  • Nissan Townpod - anteprima 3
  • Nissan Townpod - anteprima 4
  • Nissan Townpod - anteprima 5
  • Nissan Townpod - anteprima 6

"Guscio urbano", questo è il significato della parola "Townpod" scelta da Nissan per lanciare al Salone di Parigi il suo prototipo di veicolo commerciale leggero elettrico, pensato per la città e soprattutto per la mobilità di chi usa l'auto per lavoro e per piacere. La versatilità di Nissan Townpod punta infatti a soddisfare le esigenze di chi, artigiano, piccolo imprenditore o professionista vuole un mezzo pratico e robusto durante le settimana, ma non vuole rinunciare allo sfizio di personalizzazioni e infotainment evoluto.

COME UNA T-SHIRT
Con un paragone nel campo del vestiario, Nissan paragona la sua concept Townpod ad una maglietta bianca, comoda e chic, che si adatta alle esigenze di ognuno, ma che non ostenta alcuna presunzione. Tecnologia elettrica di base e parte del design sono ripresi dalla Nissan Leaf, ma la Townpod va ancora oltre proponendo un mezzo da lavoro, con pianale basso, portiere posteriori incernierate dietro e senza montante centrale (l'effetto guscio è assicurato), portellone frazionato a due ante e dimensioni compatte che le permettono di muoversi agilmente in città.

FARI SEPARATI
Curiosa è la scelta stilistica dei fari, disposti in alto e nettamente separati dalla carrozzeria, con una serie di petali che si aprono e chiudono a seconda dell'utilizzo come luci anabbaglianti o di posizione. Le rotondità delle forme ricordano anche la Nissan Cube, qui riproposte in una chiave ancora più moderna, e l'articolato sistema di apertura del portellone sdoppiato consente alla Townpod di caricare oggetti ingombranti anche parcheggiando in piccoli spazi.

DOPPIO TOUCH SCREEN
L'abitacolo, per quanto futuribile nei dettagli e nelle finiture, è volutamente essenziale e piuttosto verosimile anche da un punto di vista produttivo, con area di carico, plancia e sedili improntati alla semplicità. Mancano interruttori meccanici, una semplice levetta alla destra del sedile di guida consente di cambiare marcia e tutti i comandi sono raggruppati nei due pannelli touch screen posti al centro del cruscotto. Il sistema è collegato via Bluetooth al palmare del conducente e consente di interfacciare il navigatore con la lista degli appuntamenti programmati.

"PUCK" PORTATUTTO
Un'ulteriore novità è rappresentata dai cosiddetti "puck", palline di gomma con scanalatura che, sparse nell'abitacolo, fungono da supporto riposizionabile e orientabile per gli attuali e futuri dispositivi portatili come lettori di MP3 e telefonini. Per facilitare il carico nel vano di coda sono poi presenti degli inediti sedili posteriori scorrevoli e ripiegabili che liberano interamente il pianale piatto.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Nissan , parigi , auto elettrica


Top