dalla Home

Curiosità

pubblicato il 1 ottobre 2010

Salone di Parigi: concept... dejà vu

Anche i prototipi, a volte, ritornano

Salone di Parigi: concept... dejà vu
Galleria fotografica - Salone di Parigi: concept deja vuGalleria fotografica - Salone di Parigi: concept deja vu
  • Salone di Parigi: concept deja vu - anteprima 1
  • Salone di Parigi: concept deja vu - anteprima 2
  • Salone di Parigi: concept deja vu - anteprima 3
  • Salone di Parigi: concept deja vu - anteprima 4
  • Salone di Parigi: concept deja vu - anteprima 5

Il vizio delle case automobilistiche di riproporre la stessa concept in vari eventi è saloni è vecchio quasi come l'auto e in molti casi anche giustificato dai costi proibiltivi sostenuti per realizzarli. A volte basta una verniciatura diversa, un paio di cerchi differenti e il gioco è fatto! La concept rivive una seconda giovinezza e continua ad attirare ammiratori, come è giusto che una "show car" faccia.

Il Salone di Parigi 2010 (2-17 ottobre) non smentisce certamente la tradizione, con tanti prototipi nuovi di zecca che vanno ad affiancarsi a concept già visti. E' il caso delle Revolte e Survolt di Citroen, della BB1 di Peugeot, della Seat IBe concept, della Hyundai i-Flow o della Toyota FT 86, presenti nella kermesse francese sia in versione già vista che in allestimenti lievemente diversi.

In alcuni casi è infatti necessario osservare bene queste dream car per capire che in realtà è cambiato qualcosa, anche solo un dettaglio degli interni o una diversa motorizzazione. Tutto dipende dal tipo di concept cui ci si trova di fronte, che a seconda dei casi può essere un semplice esercizio di stile o un vero e proprio laboratorio viaggiante che negli anni cambia motorizzazione o sistema di guida.

Autore:

Tag: Curiosità , parigi


Top