dalla Home

Mercato

pubblicato il 28 settembre 2010

PSA vuole il carbonio di BMW

Francesi e tedeschi sarebbero in trattativa per condividere la tecnologia del materiale superleggero

PSA vuole il carbonio di BMW

PSA Peugeot-Citroen vuole il carbonio di BMW. Lo ha fatto capire Philippe Varin, amministratore delegato del gruppo francese, al quotidiano tedesco Handelsblatt: «Siamo alla ricerca di soluzioni che possano essere utilizzate sia dai produttori premium sia dai generalisti» ha detto Varin parlando del leggero materiale composito al quale BMW sta lavorando ormai dal 2009 attraverso la BMW-SGL Carbon, una joint-venture che ha come primo obiettivo il 2013, data nella quale vedremo la Megacity, cittadina elettrica con scocca in fibra di carbonio di Monaco.

La chiave di volta della fibra di carbonio è riuscire a produrla in serie e, una volta standardizzato il metodo, renderla economica dal punto di vista economico. Maggiori economie di scala potrebbero dunque convenire a BMW, prima assolutamente gelosa della tecnologia costruita in casa, ora sempre più alla ricerca di acquirenti e partner attraverso i quali valorizzare maggiormente il proprio patrimonio di conoscenze e di prodotti. La casa tedesca, interrogata sulla questione, non ha voluto però commentare né le affermazioni di Varin né un possibile accordo che riguarda la fibra di carbonio. BMW e Peugeot collaborano già nel campo dei motori attraverso lo sviluppo e la costruzione congiunti del motore 4 cilindri 1.4-1,6 litri che equipaggia vari modelli di Peugeot e Citroën oltre che Mini il cui Diesel è proprio di origine PSA.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato


Top