dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 22 settembre 2010

Addio disagi da cantiere stradale?

Un'indagine dice che la politica si sta impegnando a renderli meno "fastidiosi"

Addio disagi da cantiere stradale?

Addio cantieri stradali che sconvolgono strade e marciapiedi. Ormai pari che questo tipo di criticità appartenga al passato. A sostenerlo è la prima indagine sui cantieri stradali urbani realizzata dall'ACI e da altri 16 Automobile Club europei nell'ambito del programma EuroTEST della Federazione Internazionale dell'Automobile. Osservando 57 cantieri in 12 città europee (Roma, Amsterdam, Barcellona, Berlino, Bruxelles, Lubiana, Lussemburgo, Madrid, Monaco, Parigi, Vienna e Zurigo) sarebbe emersa un'attenzione nuova e crescente delle amministrazioni locali verso la sicurezza stradale: 3 cantieri sono stati giudicati ottimi, 28 buoni, 21 sufficienti, 4 insufficienti e solo 1 scarso, a Madrid.

Nella Capitale la valutazione sufficiente è stata ottenuta da 4 cantieri su 5: via Anastasio II, corso Trieste, via Nazionale e via Livorno, mentre quello situato in viale dei Colli Portuensi è stato giudicato insoddisfacente. Resta però da valutare il resto d'Italia. "I cantieri per l'ammodernamento delle infrastrutture di trasporto non sempre sono stati progettati e realizzati pensando agli standard qualitativi e di sicurezza dei flussi in transito", ha detto il presidente dell'ACI, Enrico Gelpi, auspicando che questo nuovo approccio attento alla funzionalità contraddistingua anche i cantieri stradali di Milano per l'Expo 2015.

Per una circolazione ancora più sostenibile e sicura, è opportuno, secondo EuroTEST, un maggiore impegno delle amministrazioni locali nella cura della segnaletica e delle modalità di gestione delle deviazioni, oltre a una più tempestiva comunicazione ai cittadini anche attraverso le centrali di infomobilità locale. Agli automobilisti l'ACI consiglia di informarsi sulle condizioni delle strade, infatti l'Automobile Club d'Italia è impegnato in diverse città con l'iniziativa "Luce Verde": servizi di infomobilità sono già operativi a Roma, a Milano e nel Lazio in collaborazione con le Polizie Locali.

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top