dalla Home

Mercato

pubblicato il 21 settembre 2010

Il sindacato USA visiterà le fabbriche Fiat

Una delegazione sarà in Italia per convincere i fornitori Fiat a migrare nel Michigan

Il sindacato USA visiterà le fabbriche Fiat

Il processo di integrazione tra il Gruppo Fiat e quello Chrysler procede spedito. Non più solo viaggi dall'Italia all'America, ma anche il contrario. La prossima settimana saranno gli alti funzionari del sindacato United Auto Workers a sorvolare l'Atlantico per incontrare l'amministratore delegato Sergio Marchionne e provare a persuaderlo ad esportare posti di lavoro negli Stati Uniti.

Gli americani infatti, come riportato dalla Reuters, sperano di convincere i fornitori di Fiat a spostare i servizi nelle aziende rappresentati da Uaw in Nord America per una maggiore integrazione Fiat-Chrysler. "Abbiamo intenzione di chiedere ai fornitori di venire qui a trasferirirsi nel Michigan", ha detto il presidente Uaw Bob King, che visiterà gli stabilimenti del Lingotto in Italia per conoscere meglio quel sistema di produzione che il Gruppo torinese sta esportando negli impianti americani di Chrysler. E la fiducia in Sergio Marchionne è alta, almeno tra i sindacati statunitensi. "E' tutta una questione di prodotto - ha detto King -. E i piani di Sergio sono veramente positivi", ha aggiunto, ammettendo di apprezzare questo "suo atteggiamento di 'facciamo insieme'". Praticamente l'opposto di quanto lamentano i sindacati in Italia, Fiom in testa.

Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, durante una conferenza stampa organizzata a Roma per illustrare la manifestazione che si svolgerà nella Capitale il 16 ottobre, ha espresso la viva preoccupazione per l'atteggiamento di "chiusura" (ndr.) di Marchionne. Secondo Landini, durante l'ultimo incontro con le parti sociali, l'ad avrebbe detto di non voler scendere a patti con nessuno riguardo al suo "piano aziendale". Né lo Stato, né i sindacati avrebbero, secondo il sindacalista, voce in capitolo, mentre la Fiom si dice aperta al dialogo. Sta di fatto che proprio nei giorni di massima tensione a Melfi, il primo anniversario dell'Alleanza tra Fiat e Chrysler è stato festeggiato con hamburger e hot dog serviti ai 12.000 dipendenti del quartier generale di Auburn Hills da tutti i primi livelli del management, compreso l'amministratore delegato Sergio Marchionne.

Autore:

Tag: Mercato , Fiat , produzione , lavoro , torino


Top