dalla Home

Mercato

pubblicato il 21 settembre 2010

Per Renault il futuro è fuori dall'Europa

L'Asia, con la Cina in testa, è sempre più determinante per il mercato dell'auto

Per Renault il futuro è fuori dall'Europa

Il futuro delle vendite Renault è fuori dall'Europa. A dirlo sono i numeri: nel 1999 le vetture vendute in mercati extra-europei rappresentavano l'11% del totale, attualmente sono il 40% e per il 2013 la previsione è del 50%. L'amministratore delegato, Patrick Pelata, ne è sicuro: le prospettive di chiusura del 2010 sono buone, ma non abbastanza. Come ha detto al quotidiano francese Le Figaro, Renault chiuderà l'anno a quota 2.5 millioni di unità (in aumento, rispetto ai 2.3 milioni dell'anno scorso), ma presto il Gruppo francese - per aumentare i volumi di vendita nel mondo - potrebbe anche decidere di consolidare la propria base in Asia.

La Casa della Losanga, dice Automotive News Europe, non vuole ancora produrre in Cina le sue auto, ma sta valutando seriamente l'ipotesi di sfruttare l'ormai consolidata alleanza con Nissan Motor Co. per far parte della joint venture con la Dongfeng Motor Group Co. L'amministratore delegato del Gruppo francese, Carlos Ghosn, lo ha detto ai giornalisti che lo hanno interpellato in materia, sottolineando che la capacità produttiva di Nissan in Cina raddoppierà entro il 2012 grazie ad una nuova fabbrica. In questo modo la capacità produttiva annuale del costruttore giapponese salirà a quota 1.2 milioni di veicoli con l'ambizioso obiettivo di aggiudicarsi il 10% del mercato cinese entro due anni.

Autore:

Tag: Mercato , Renault , immatricolazioni , produzione , dall'estero , cina


Top