dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 14 settembre 2010

Lamborghini: secondo teaser della concept di Parigi

Dalla fibra di carbonio sembra spuntare il V10

Lamborghini: secondo teaser della concept di Parigi
Galleria fotografica - Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010Galleria fotografica - Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010
  • Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010 - anteprima 1
  • Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010 - anteprima 2
  • Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010 - anteprima 3
  • Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010 - anteprima 4
  • Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010 - anteprima 5
  • Lamborghini: i teaser per il Salone di Parigi 2010 - anteprima 6

Il secondo teaser, dei sei promessi, svela un dettaglio in più della concept Lamborghini che debutta al Salone di Parigi (2-17 ottobre). Quello che appare ancora più evidente rispetto alla prima immagine enigmatica, che forse ritraeva parte del cofano anteriore e la base del parabrezza, è che ci troviamo di fronte a qualcosa di assolutamente inconsueto ed "estremo" dal punto di vista del design. Una doppia fila di dieci fori esagonali ricavati direttamente nella fibra di carbonio paiono dare in qualche modo credito alle recenti indiscrezioni relative alla futura Lamborghini con motore V10.

Il secondo dettaglio stilistico viene presentato con lo slogan "Lamborghini. Carbon dated. Paris 2010" che gioca sul doppio senso del reperto archeologico "datato al radiocarbonio" e sulla materia prima della concept, la fibra di carbonio appunto. La nuova immagine è questa volta accompagnato da una sorta di manifesto programmatico firmato dallo stesso presidente e amministratore delegato Stephan Winkelmann, secondo il quale "il futuro delle supersportive Lamborghini va ridefinito sulla base di design e prestazioni".

Seguendo un percorso ormai noto da tempo e preannunciato con le varie
Gallardo Superleggera, Murcielago SuperVeloce e il grande impegno profuso nell'utilizzo di materiali compositi ultraleggeri, Winkelmann ribalta le priorità prestazionali delle future Lamborghini ponendo al primo posto handling e accelerazione e ponendo solo al terzo posto la velocità. Quella velocità massima che fino a pochi anni fa era un autentico mito e un discrimine fra le vere supercar e le semplici sportive, viene definita dal manager tedesco "non più così rilevante", visto che "i 300 km/h non possono essere raggiunti nemmeno in pista, meno che mai sulle strade normali".

Le parole magiche per ottenere prestazioni sempre più entusiasmanti e coinvolgenti restano quindi "rapporto peso/potenza" e "fibra di carbonio", visto che il telaio d'acciaio e CFC dell'attuale Murcielago (di discendenza Diablo) ha raggiunto probabilmente con la SV e la
Reventon i suoi limiti minimi di peso. Via libera quindi alla filosofia Superleggera, con scocca interamente in materiali compositi con lo scopo dichiarato di distinguersi nell'ambito delle supersportive dai bassi numeri produttivi per "il miglior utilizzo della fibra di carbonio finalizzato alla riduzione del peso".

Scheda Versione

Lamborghini Sesto Elemento
Nome
Sesto Elemento
Anno
2013 - F.C.
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Anticipazioni , Lamborghini , parigi , auto italiane


Top