dalla Home

Eventi

pubblicato il 12 settembre 2010

Fiat 500 Expedition Team Tunisia

Parte il 17 settembre il prossimo raid della madre di tutte utilitarie

Fiat 500 Expedition Team Tunisia
Galleria fotografica - Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009Galleria fotografica - Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009
  • Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009 - anteprima 1
  • Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009 - anteprima 2
  • Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009 - anteprima 3
  • Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009 - anteprima 4
  • Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009 - anteprima 5
  • Fiat 500 Expedition Team Tunisia, 2009 - anteprima 6

Alzi la mano chi, 20enne degli anni '60-'70, di fronte ad una 500 d'antan non ha mai detto: "Noi ci andavamo in quattro - armi e bagagli - in settimana bianca"; oppure "...a Capo Nord"; o ancora, con espressione comprensibilmente sognante: "Ci siamo arrivati a Stoccolma". E così via. Fatto sta che poche altre auto sono diventate parte del DNA degli automobilisti italiani ediamente più anziani di vent'anni della propria 500 che, dal canto suo, vive imperterrita la sua eterna gioventù attraverso siti, club, raduni, attività agonistica e veri e propri raid quale quello che si svolgerà a breve in Tunisia.

IL TEAM
Giunto alla sua seconda edizione il "500 Expedition Team - Tunisia 2010" è nato dagli sforzi congiunti del Fiat 500 Club Italia dell'Ente del Turismo Tunisino e di Explorandoviaggi, Tour Operator torinese specializzato in viaggi-avventura. Partenza da Genova e rientro da Tunisi rispettivamente il 17 e 27 settembre: 10 giorni che, in base all'esperienza della prima edizione, i partecipanti si aspettano piacevolmente intensi.

LE PROTAGONISTE
Le Fiat 500 che, presenti nelle diverse versioni e varianti, testimonieranno la vitalità dell'intero periodo di produzione saranno 30: dalle classiche 500 F ed L alle versioni Giardinetta per finire con la simpaticissima Spider Gamine.

IL PERCORSO E LE SUE PECULIARITA'
Sarà suddiviso in più tappe delle quali la prima e le due ultime saranno percorse dalle nostre 30 arzille... a'antenni: quindi in 500 da Tunisi a Gabes ove le fidate utilitarie attenderanno il rientro dei partecipanti che per alcuni giorni le "tradiranno" per dei più sostanziosi 4x4 necessari
per raggiungere Matmata, Pansea, Ksar, Ghilane, il campo di Douz e di nuovo Gabes; di lì, nuovamente in 500, si ripartirà alla volta di Djerba-Kairouan-Tunisi. Un percorso misto, quindi che permetterà superare i limiti fisici delle 500 e permetterà di vedere le appena citate località, tutte degne di nota; la prima - Matmata - è un villaggio berbero ricavato scavando pozzi mediamente profondi sette metri e larghi come una piccola piazza di paese, nelle cui pareti sono state scavate abitazioni fresche anche nelle giornate più torride; Matmata unisce al fascino scarno delle località desertiche e delle tribù che le abitano, risvolti fantascientifici e sportivi, testimoniati gli uni dalla presenza del set di parte del film "Star Wars", e gli altri dal passaggio dei maratoneti impegnati nella "Chott Marathon Extreme", una impegnativa 42 km desertica nella quale - piace sottolinearlo - gli italiani hanno monopolizzato il podio nell'edizione dello scorso novembre. Tornando al meno stressante impegno della 500 expedition, questa da Matmata raggiungerà Pansea che fungerà da campo base, con "tende" dotate di ogni comfort, per le successive destinazioni desertiche; i 4x4 toccheranno infatti Chenini, granaio fortificato berbero del XII secolo, e di lì muoveranno verso Ksarghilane, circondata da un mare di sabbia che, immobile nella sua mobilità, potrebbe ben essere scambiato - se non fosse per il colore - per un vero e proprio oceano; il luogo custodisce le rovine di un avamposto romano rifugio, sino alla seconda guerra mondiale, di viaggiatori, predoni e legionari. Visitata Tozeur, la carovana toccherà l'abbacinante, insidioso ed infinito lago salato di Chott El Jerid; per raggiungere infine l'oasi abitata di Douz; sita al confine dell'Erg Orientale, famosa per l'annuale Festival del Sahara, caratterizzato da parate, corse di cammelli e combattimenti, il tutto incorniciato da spettacoli di danza e mostre di artigianato locale. Da Douz i partecipanti rientreranno a Gabes dove ritroveranno le loro 30 fedeli cinquecentine che li porteranno prima a Djerba - nota e frequentata località di mare - e poi a Keirouan, città ricca di Moschee, Mausolei e Bastioni ma, soprattutto, prima città santa dell'Africa settentrionale che, assieme a la Mecca, Medina e Gerusalemme, è una delle quattro città sante dell'Islam. Il viaggio terminerà con il rientro a Tunisi e Genova: ciascuno dei partecipanti certamente saprà, con il filtro della propria sensibilità, capitalizzare, personalizzare e divulgare ricordi ed impressioni.

Galleria fotografica - Abarth: quando la 500 correvaGalleria fotografica - Abarth: quando la 500 correva
  • Abarth: quando la 500 correva - anteprima 1
  • Abarth: quando la 500 correva - anteprima 2
  • Abarth: quando la 500 correva - anteprima 3
Galleria fotografica - La Fiat 500 originaleGalleria fotografica - La Fiat 500 originale
  • Fiat 500: un pò di storia... - anteprima 1
  • Fiat 500 F - anteprima 2
  • Fiat 500 R - anteprima 3
  • Fiat 500 R - anteprima 4
  • Fiat 500 (1957)	   - anteprima 5
  • Fiat 500 (1957) - anteprima 6

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Eventi , Fiat , fiat 500 , viaggiare


Top