dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 9 settembre 2010

smart si dà agli "e-scooter"

Elettrico e a due ruote: è lo scooter che smart presenterà a Parigi

smart si dà agli "e-scooter"
Galleria fotografica - smart escooterGalleria fotografica - smart escooter
  • smart escooter - anteprima 1
  • smart escooter - anteprima 2
  • smart escooter - anteprima 3
  • smart escooter - anteprima 4
  • smart escooter - anteprima 5
  • smart escooter - anteprima 6

Dopo la smart elettrica arriva anche lo scooter elettrico firmato smart, lo smart e-scooter, che seguendo le orme della "sorella" a quattro ruote troverà il proprio habitat naturale nelle metropoli. Verrà presentato in anteprima mondiale al Salone di Parigi (2-17 ottobre), dove verranno svelate tutte le caratteristiche tecniche di questo due ruote a "emissioni zero" dalle forme flessuose di cui al momento sono stati diramati solo i bozzetti.

100 KM DI AUTONOMIA
Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche dello smart e-scooter, per il momento Vittorio Braguglia, Direttore Generale Mercedes-Benz Cars in Italia, si limita a parlare di "massimi standard di sicurezza" e di "un'autonomia di 100 km grazie alla batteria agli ioni di litio". Chissà se Roma, che è la città con la più alta densità di "smart pro capite", lo accoglierà con lo stesso calore. Secondo quanto anticipatoci da una fonte interna, l'e-scooter sarà destinato ai principali mercati europei che stanno aprendo alla propulsione elettrica, come Francia, Germania, Spagna ed Inghilterra. La sua diffusione dovrebbe essere facilitata dalla capillarità della rete di distribuzione smart, punto di forza che gli altri costruttori motociclistici che fino ad ora si sono lanciati nell'avventura degli scooter elettrici (Vectrix su tutti) non possono vantare.

QUATTRO RUOTE IN CERCA DI DUE
Intanto nel business dello scooter elettrico starebbe per lanciarsi anche BMW, da sempre protagonista nel segmento delle maxi, che con lo C1-e ha rispolverato il dimenticato "scooter col tetto" C1 dotandolo di un motore elettrico. Nell'affare c'è anche Peugeot, tradizionalmente costruttore di scooter, che sta preparando un lancio nel 2011. Ma tutto il mondo dell'auto sembra avere ritrovato interesse per le due ruote. La battuta di Ferdinand Piech "Voglio provare l'Hayabusa" sparata poco dopo l'alleanza fra Volkswagen e Suzuki ha anticipato che anche Wolfsburg punterà sulle moto con il supporto della Casa di Hamamatsu. L'obiettivo di tutte queste manovre potrebbe essere quello di soddisfare le prossime normative UE sulle emissioni di CO2, che verranno calcolate sulla media (130 g/km dal 2012, 95 g/km nel 2020) di tutti i modelli prodotti dal costruttore. Se in tale media rientrassero anche le due ruote, che consumano enormemente meno che un'automobile specialmente se elettriche, allora potrebbero essere aggirate le sanzioni che l'Europa prevede per chi non si adeguerà.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Smart , mobilità sostenibile , auto elettrica


Top