dalla Home

Test

pubblicato il 6 settembre 2010

Infiniti EX30d: comfort e carattere

Primo assaggio del V6 diesel 238 CV sul crossover giapponese

Infiniti EX30d: comfort e carattere
Galleria fotografica - Infiniti EX30d. Il testGalleria fotografica - Infiniti EX30d. Il test
  • Infiniti EX30d. Il test - anteprima 1
  • Infiniti EX30d. Il test - anteprima 2
  • Infiniti EX30d. Il test - anteprima 3
  • Infiniti EX30d. Il test - anteprima 4
  • Infiniti EX30d. Il test - anteprima 5
  • Infiniti EX30d. Il test - anteprima 6

La corsa alla conquista della categoria delle auto di lusso, si sa, affida ai SUV un'importante fetta delle speranze dei traballanti bilanci dei costruttori più blasonati. Alle nostre latitudini il Diesel spopola. Quanti non sono usi bollare come "spendaccione" chi guida un'Audi Q5 2.0T, una Porsche Cayenne 3.6 o una BMW X6 xDrive 35i? Il connubio SUV-gasolio è quindi la classica quadratura del cerchio per chi vuole esagerare, ma non vuole strafare con i consumi.

POTERE DEL GASOLIO
La riscossa di Infiniti tra le Diesel è iniziata la scorsa primavera per portare il vero e definitivo assalto e procurarsi un' "esplosione" di vendite (nel 2010 sono previste 5.500 consegne in tutta Europa): ha cominciato l'FX30d, temibile avversaria per Audi Q7 TDI, BMW X5-X6, Porsche Cayenne Diesel, Mercedes ML e Volvo XC90. Il passo successivo è l'EX30d, la "sorella minore" del grande FX, del quale si stima un apprezzamento da parte di almeno l'80% della clientela di questo modello.

COMODITA' E CARATTERE
L'evidenza empirica dimostra che non tutti desiderano/possono acquistare un titanico SUV king size ma che il desiderio di guardare il mondo comodamente seduti in alto alberga nella maggior parte dei sogni automobilistici. L'EX assolve alla funzione di suggerire un impatto dimensionale leggermente più garbato e di offrire, nel contempo, quel design particolarmente burroso e vagamente sportiveggiante (basta osservare l'andamento del padiglione in coda che declina dolcemente verso il basso a voler imitare lo stile di una coupé e il muso particolarmente allungato) dei numerosi palati ormai "troppo" abituati ai rigidi canoni dello stile teutonico o nordico.

SALOTTINO
L'esperienza di guida dell'EX30d suggerisce continui passaggi dall'universo del lusso a quello della sportività: al primo appartengono le forme piacevoli dell'abitacolo arredato con due poltrone (a regolazione elettrica) e un divanetto rivestiti in pelle che regalano un'atmosfera tipicamente salottiera (due soli appunti vanno alla qualità di certe plastiche "nascoste" di rivestimento e all'orologio analogico al centro della plancia, non all'altezza su un auto da 50.000 euro come prezzo d'attacco), l'elevata silenziosità di marcia, l'ampio spazio interno. Il secondo è nel volante di foggia ultra-sportiva e nel carattere del propulsore oltreché della dinamica di guida su asfalti ampi e "delicati". Le sue doti migliori sono l'elevata silenziosità di marcia (indispensabile per i lunghi viaggi) e la forte spinta del motore a gasolio, che sui percorsi misti finisce per invitare ad assumere uno stile di guida tutt'altro che disimpegnato.

ATTEGGIAMENTO SPORTIVO
E' in questo contesto che è possibile apprezzare la corposa ripresa, particolarmente evidente nei sorpassi. Sul misto veloce, fatto rigorosamente di ampi curvoni, è ancora possibile apprezzare l'elevata tenuta di strada e l'ottima motricità garantita dalla trazione integrale e la taratura dello sterzo, tendenzialmente "turistica". Meglio, per saggiarne la spinta, utilizzare l'ampio e longilineo manto autostradale, suo regno incontrastato, dove non sarebbe affatto anacronistico "volare" dolcemente a 200 orari per centinaia di chilometri giungendo a destinazione freschi come rose. Come la EX30d, la EX37 monta di serie il cambio automatico a sette marce di Infiniti. Basta spostare la leva a sinistra per innestare la modalità di guida sportiva ("DS"), che esclude le due marce superiori e offre un preciso cambio manuale, ad esempio per guidare con agilità sulle strade di montagna.

QUASI 10 L/100 KM
Peccato che il pur utile sistema Lane Departure Prevention per il controllo del superamento della corsia sia anche troppo solerte nel segnalare lo "sconfinamento" di carreggiata. Durante il nostro test, in uscita dalla metropoli milanese verso i rilassanti panorami dei grandi laghi Lombardi, l'Infiniti EX30d ha complessivamente prodotto, dopo oltre 200 chilometri, un consumo medio nell'ordine dei 10 l/100 km sommando le condizioni più disparate d'utilizzo (città, autostrada, misto collinare). Un dato che conforta pensando comunque alle caratteristiche "generose" del motore, al peso di oltre 1.900 chili per garantire comfort e massima sicurezza e ai numerosi inviti a un ballo a due con l'elevata coppia motrice.

Scheda Versione

Infiniti EX
Nome
EX
Anno
2008 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Test , Infiniti , nuovi motori


Top