dalla Home

Attualità

pubblicato il 3 settembre 2010

Panorama: "Lo stabilimento Fiat a Melfi è stato sabotato"

Raccolte testimonianze che smontano la sentenza che ha reintegrato i 3 operai licenziati

Panorama: "Lo stabilimento Fiat a Melfi è stato sabotato"

Che cosa è successo nello stabilimento Fiat a Melfi (Potenza) la notte tra il 6 e il 7 luglio? E' di oggi una nuova versione dei fatti che, se fosse vera, darebbe ragione a Fiat e farebbe crollare la sentenza del giudice del lavoro che il 9 agosto ha ordinato il reintegro dei due delegati Fiom e di un operaio che il Lingotto aveva licenziato sostenendo che quella notte avevano sabotato la produzione di auto.

Alcuni lavoratori dello stabilimento hanno assicurato al settimanale Panorama che in quella occasione, nonostante le molte richieste dei responsabili, Giovanni Barozzino e Antonio Lamorte (poi licenziati insieme a Marco Pignatelli) hanno davvero ostacolato la produzione di auto almeno per un quarto d'ora. "L'idea era quella di bloccare la linea di montaggio che era rimasta in funzione", ha riferito un operaio. "Quelli della Fiom non ottenevano niente con lo sciopero e hanno studiato un'azione più eclatante", dice un altro, che vuole rimanere anonimo come altri per il timore di ritorsioni.

I testimoni sentiti da Panorama hanno detto chiaramente di non voler raccontare ai giudici quello che hanno visto. Pertanto l'indiscrezione dovrebbe rimanere tra le pagine del periodico e non entrare in aula, dove la Fiat attende per il 6 ottobre l'udienza d'appello per quella sentenza del giudice del lavoro di Melfi che, considerando antisindacale il provvedimento preso dell'azienda, ha stabilito il reintegro degli operai. Una decisione a cui, lo ricordiamo, la Fiat aveva reagito non solo con il ricorso in Tribunale, ma anche con il blocco dei tre lavoratori, che erano stati invitati ad attendere la sentenza del 6 ottobre lontano dalle linee di assemblaggio. Per questo la Fiom aveva denunciato la Fiat e scritto al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, affinché intervenisse per far rispettare la legge.

Autore:

Tag: Attualità , Fiat , produzione , lavoro


Top