dalla Home

Mercato

pubblicato il 28 agosto 2010

Opel in Cina entro l’anno

Il marchio tedesco di GM diventerà più globale perché l'Europa non basta più

Opel in Cina entro l’anno

Il marchio Opel sarà commercializzato entro l'anno anche in Cina e sta considerando l'ingresso o il ritorno in diversi mercati come Australia e America Latina. La notizia viene dai quotidiani tedeschi Frankfurter Allgemeine Zeitung e Berlin Taggesspiegel che citano entrambi Nick Reilly, l'amministratore delegato della Casa che General Motors voleva vendere, anche perché ritenuta superflua alla presenza di Chevrolet come marchio generalista, e invece ora sembra destinato a fargli una concorrenza ancora più forte e ampia. Il motivo di questo cambio di strategia, che vuole fare di Opel un altro marchio globale, è dovuto - secondo quanto affermato dallo stesso Reilly - al fatto che il mercato europeo è in continuo arretramento ed è necessario trovare spazio in altri contesti, anche rischiando sovrapposizioni con altri marchi che usano pianali, motori e tecnologie Opel come e più di Chevrolet. Il pensiero va in particolare a modelli come la Buick Regal, fotocopia della Insignia, e a numerosi altri commercializzati dalla Holden in Oceania.

E gli USA? Rimarrebbero esclusi, non solo perché anche loro sono un mercato stagnante, ma anche perché l'effetto "Made in Germany" sarebbe molto più utile nei nuovi contesti dove gli assetti sono ancora piuttosto fluidi e le reputazioni dei costruttori ancora poco sedimentate, ma dove soprattutto GM non ha dovuto rivedere o quantomeno rivedere la propria presenza, sia in termini industriale sia commerciali. Opel si presenterebbe dunque come un marchio dai contenuti tecnologici superiori, senza alcuna voglia di fare battaglie sui prezzi con marchi più aggressivi e puntando a un profilo quasi da premium brand, superiore comunque a quelli di marchi come Buick e Chevrolet.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Opel , cina


Top