dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 28 agosto 2010

Incidente grave, patente subito ritirata

Causando pesanti lesioni fisiche se ne rischia il ritiro immediato, lo trovi giusto?

Incidente grave, patente subito ritirata

Nell'oceano di novità della riforma del Codice della strada, ci sono aspetti ancora non venuti bene alla luce: ne è un esempio la regola che prevede il ritiro immediato della patente. Sino al 12 agosto scorso, chi commetteva un'infrazione causando ad altri lesioni fisiche gravi, a distanza di tempo dal sinistro subiva la sospensione della patente, stabilita dal Prefetto. Dal 13 agosto, col nuovo Codice della strada, la patente viene subito ritirata dall'agente delle Forze dell'ordine intervenuto sul posto, a due condizioni: primo, nell'incidente devono esserci feriti con lesioni gravi (valutabili dall'agente nell'ordine di almeno 40 giorni di prognosi); secondo, l'infrazione commessa da chi ha causato l'incidente dev'essere tale che la legge preveda la sospensione della patente.

A CASA A PIEDI
In termini pratici, se un automobilista va a 200 km/h e causa un incidente, provocando serie lesioni fisiche ad altre persone, l'agente di Polizia o dei Carabinieri gli ritirerà subito la patente. Dopodiché, si dovrà attendere la decisione del Prefetto, che fisserà la durata della sospensione della licenza. Casi analoghi ai forti eccessi di velocità sono la guida in stato d'ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti.

DUE FINALITÀ
Il primo obiettivo della norma è impedire subito che un guidatore potenzialmente pericoloso possa rimettersi alla guida immediatamente dopo aver commesso una pesante infrazione, in cui ha causato feriti gravi. L'altra finalità è di indurre alla guida prudente, con la spada di Damocle del ritiro immediato della patente.

185 voti Sondaggio

Incidente grave: giusto ritirare subito la patente?

No

  
25%

  
74%

 

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale


Top