Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 24 agosto 2010

Da Rimini un appello alla sicurezza stradale

I giovani sono le vittime più frequenti. Nel 2008 hanno perso la vita 1.339 under30

Da Rimini un appello alla sicurezza stradale

"Ragazzi, la vita è una cosa meravigliosa non distruggete il vostro futuro in un incidente stradale". Il Presidente della Fondazione ANIA Sandro Salvati ha cominciato così il suo intervento al Meeting di Rimini durante il convegno "Viaggiare sicuri: la vita è una cosa meravigliosa" promosso dalla Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale. Tanta attenzione ai giovani si spiega per un triste primato, ormai noto da anni: gli under30 sono le vittime più frequenti degli incidenti stradali. Solo nel 2008 ne abbiamo visto morire 1.339.

Questo fa degli incidenti stradali la loro prima causa di morte e rende necessario un forte intervento da parte delle istituzioni, oltre che una buona dose di buon senso personale. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, lo ha detto chiaramente: "Abbiamo approvato una vasta riforma del Codice della strada che sta dando i suoi frutti, ma è necessario riscoprire il valore della famiglia e incentivare la collaborazione pubblico-privato se vogliamo davvero fronteggiare l'emergenza dovuta all'incidentalità sulle nostre strade. Credo che si sia avviato un percorso concreto, dobbiamo andare avanti con questa sinergia e i risultati continueranno ad arrivare".

Un messaggio altrettanto forte a tutti i ragazzi è stato lanciato attraverso la musica. La band degli Zero Assoluto è stata scelta come testimonial della Onlus delle compagnie di assicurazione ed è intervenuta a Rimini con lo slogan "La rivoluzione è l'attenzione. Il divertimento sicuro è senza dubbio più bello". Anche Monsignor Luigi Negri, Vescovo di San Marino-Montefeltro, si è affidato ad una canzone dei più noti cantautori della musica leggera italiana per spiegare ai ragazzi l'importanza della vita: "... Sei tu che hai un vento nuovo tra le braccia mentre mi vieni incontro e imparerai che per morire ti basterà un tramonto in una gioia che fa male di più della malinconia ed in qualunque sera ti troverai non ti buttare via e non lasciare andare un giorno per ritrovar te stesso figlio di un cielo. Così bello perché la vita è adesso" (Claudio Baglioni - La vita è adesso).

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale


Top