dalla Home

Mercato

pubblicato il 20 agosto 2010

Fiat ancora prima in Brasile, ormai 4° mercato mondiale

E' il trampolino di lancio per il riposizionamento di Torino a livello globale

Fiat ancora prima in Brasile, ormai 4° mercato mondiale
Galleria fotografica - La Fiat 500 in BrasileGalleria fotografica - La Fiat 500 in Brasile
  • La Fiat 500 in Brasile - anteprima 1
  • La Fiat 500 in Brasile - anteprima 2
  • La Fiat 500 in Brasile - anteprima 3
  • La Fiat 500 in Brasile - anteprima 4
  • La Fiat 500 in Brasile - anteprima 5
  • La Fiat 500 in Brasile - anteprima 6

Il Brasile corre e Fiat corre con il Brasile. Lo stato Sudamericano ha superato la Germania diventando quest'anno il quarto mercato automobilistico al mondo, dietro a Cina, Stati Uniti e Giappone. Un consolidamento che ha spinto le principali industrie dell'auto a prevedere undici miliardi di dollari di investimenti in Brasile per i prossimi due anni. E' l'inizio di una nuova parentesi nella storia economica dell'auto e un ottimo trampolino di lancio per Fiat. Il Gruppo Italiano, infatti, è da lunga data in Brasile ed è ormai così radicato nel territorio da essersene appena stato riconfermato leader. Nella prima metà di agosto il Gruppo torinese ha raggiunto il 23,78% della quota di mercato, superando colossi come Volkswagen e GM. Il Brasile è del resto già diventato da tempo il suo primo mercato di riferimento, scalzando l'Italia dopo 111 anni di primato.

E' dunque qui che pulsa il cuore strategico del Lingotto, proteso verso quella globalizzazione tanto agognata da Sergio Marchionne. Il momento per espandersi è quello giusto. Di fronte alla continua crescita di Fiat in Brasile anche gli analisti di Banca Imi hanno cominciato a credere nel costruttore italiano ed hanno confermato la raccomandazione buy sul titolo Fiat (che comunque ieri ha chiuso in calo del 2,09%), con un prezzo obiettivo a 15,3 euro. E se la situazione sul versante europeo rimane incerta (i dati ufficiali sulle immatricolazioni di luglio e agosto usciranno a settembre, ma già si parla di un crollo a due cifre per entrambe le mensilità), ci sono ottimi progetti di rafforzamento in Cina, India e negli Stati Uniti, dove presto ci sarà il ritorno del marchio italiano grazie all'Alleanza con Chrysler.

Autore:

Tag: Mercato , Fiat , immatricolazioni , auto italiane , torino


Top