dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 23 agosto 2010

Vacanze in auto: no alla doppia batosta

Se ricevi una multa taglia-punti devi comunicare chi guidava. Pena 2 sanzioni

Vacanze in auto: no alla doppia batosta

Se c'è una norma del Codice della strada che gli italiani fanno davvero fatica a digerire, è quella della comunicazione dei dati del guidatore: ce lo testimoniano le numerose email di richieste di aiuto che riceviamo in redazione. Di che si tratta? In poche parole, il proprietario dell'auto che riceve a casa una multa col taglio di punti-patente, in allegato al verbale avrà anche un foglio in cui gli viene richiesto di comunicare i dati di chi guidava al momento dell'infrazione. Quindi, ha due possibilità. Può comunicare alle Forze dell'ordine i dati dell'effettivo trasgressore; così, il punteggio verrà decurtato solo alla persona indicata. In alternativa, il proprietario non comunica i dati di chi ha commesso l'infrazione: in questo secondo caso versa sia la multa per l'infrazione sia la multa supplementare di 263 euro. È tutto scritto nell'articolo 126 bis del Codice della strada.

DIMENTICANZE COSTOSE
Il fatto è che sono in tanti a dimenticare di comunicare quei dati, pensando sia sufficiente pagare la prima multa per ammettere di essere gli effettivi trasgressori. Oppure si omette di leggere quel foglio allegato al verbale. La doppia batosta è allora in agguato. Per non rovinarvi il ritorno dalle vacanze, in caso di infrazione taglia-punti commessa in viaggio, ricordatevi che pagare la prima sanzione non basta; occorre anche comunicare i dati del guidatore. Identico discorso per le multe che, oltre al taglio di punti, prevedono la sospensione della patente (per le infrazioni più gravi): serve comunicare i dati del guidatore.

SMEMORATI NON GIUSTIFICATI
E il fatto di non ricordare a chi avete prestato la macchina con cui è stata commessa l'infrazione, non serve a evitare la multa supplementare di 263 euro. Che vale anche se è notevole il lasso di tempo intercorso fra i due momenti chiave: da quando è stata commessa l'infrazione fino al giorno della notifica del verbale.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , viaggiare


Top