dalla Home

Mercato

pubblicato il 4 agosto 2010

Lamborghini: vendite in calo del 18%

L'Asia mitiga gli effetti della crisi. Fatturato a 152,9 mln di euro nel primo semestre

Lamborghini: vendite in calo del 18%
Galleria fotografica - Lamborghini al Salone di Pechino 2010Galleria fotografica - Lamborghini al Salone di Pechino 2010
  • Lamborghini al Salone di Pechino 2010 - anteprima 1
  • Lamborghini al Salone di Pechino 2010 - anteprima 2
  • Lamborghini al Salone di Pechino 2010 - anteprima 3
  • Lamborghini al Salone di Pechino 2010 - anteprima 4
  • Lamborghini al Salone di Pechino 2010 - anteprima 5
  • Lamborghini al Salone di Pechino 2010 - anteprima 6

Nei primi sei mesi del 2010 Automobili Lamborghini ha venduto in tutto il mondo 674 vetture, facendo registrare una contrazione del 18% rispetto alle consegne del 2009. A fronte di una importante riduzione dei mercati tradizionali come Nord America ed Europa, la Casa del Toro ha potuto contare sui lusinghieri successi nell'area Asia Pacifico che hanno ridotto l'impatto della crisi globale.

In particolare la Cina si è saputa ritagliare il ruolo di secondo mercato mondiale per Lamborghini, facendo registrare la vendita di 86 unità contro le 28 dello scorso anno (+200%). A testimonianza del crescente interesse di Lamborghini verso questo paese c'è anche la recente nascita della serie speciale Murciélago LP 670-4 SuperVeloce China Limited Edition. I mercati di Australia, Singapore, Hong Kong e Taiwan hanno poi contribuito a rendere meno pesante il bilancio di consegne del primo semestre, portando la quota di vendite dell'area Asia Pacifico dal 15,8 al 34%.

Secondo Stephan Winkelmann, presidente e amministratore delegato della Casa emiliana, il brillante risultato nei mercati orientali e l'auspicato recupero sui mercati tradizionali mostrano una Lamborghini che "grazie ai nuovi prodotti basati su tecnologie innovative, uscirà rafforzata da questa sfida". A dare fiducia all'azienda c'è anche il fatturato dei primi sei mesi a quota 152,9 milioni di euro, una cifra di poco inferiore ai 156,9 milioni di euro del 2009 (-2,6%) che è dovuta al diverso mix di vendite e all'effetto positivo del cambio fra euro ed altre valute importanti.

A livello strategico e di investimenti la Lamborghini conferma il proprio impegno nella riduzione di pesi, consumi ed emissioni di CO2 tramite il massiccio utilizzo della fibra di carbonio. A tal proposito il Costruttore sottolinea l'attività dell'Advanced Composites Research Center (ACRC) di Sant'Agata Bolognese dove viene utilizzato il processo "RTM light" (brevetto Lamborghini) per la produzione di parti in fibra di carbonio a bassa temperatura e pressione. Sugli stessi obiettivi è impegnato il laboratorio partner Advanced Composite Structures Laboratory (ACSL) presso l'Università di Washington, inaugurato nel 2009. Entro il 2015 le emissioni di CO2 delle automobili Lamborghini sarà ridotto del 25%, mentre a livello produttivo l'impianto fotovoltaico inaugurato lo scorso febbraio abbasserà l'anidride carbonica del 30%.

Galleria fotografica - Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV China Limited EditionGalleria fotografica - Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV China Limited Edition
  • Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV China Limited Edition - anteprima 1
  • Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV China Limited Edition - anteprima 2
  • Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV China Limited Edition - anteprima 3
  • Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV China Limited Edition - anteprima 4

Autore:

Tag: Mercato , Lamborghini , produzione


Top