dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 29 luglio 2010

Regno Unito: incentivi per l’auto elettrica

Bonus dal 2011 a copertura del 25% del prezzo, fino al tetto di 5.000 sterline

Regno Unito: incentivi per l’auto elettrica

Il Ministro dei Trasporti britannico, Philip Hammond, ha confermato l'esistenza dal mese di gennaio 2011 del "plug-in grant", ovvero il programma di incentivi governativi che metterà a disposizione di chi acquista un'auto elettrica, ibrida plug-in o fuel cell alimentata ad idrogeno un bonus del 25% sul prezzo di listino fino a un massimo di 5mila sterline (poco meno di 6mila euro) per dare uno stimolo all'acquisto di auto a emissioni basse o addirittura pari allo zero. Naturalmente queste vetture dovranno soddisfare i criteri di sicurezza, affidabilità, prestazioni e di garanzia fissati dall'Office for Low Emissions Vehicles (ufficio per i veicoli a basse emissioni) in accordo con il mondo dell'industria.

Al "plug-in grant" sarà accompagnato il Plugged-In Places, il piano che prevede un investimento mirato per la realizzazione di 11mila punti di ricarica, in modo che l'acquisto di vetture elettriche o plug-in sia aiutato anche dall'esistenza di un'infrastruttura pubblica di ricarica a Londra, Milton Keynes e nell'Inghilterra nordorientale. È confermata inoltre l'estensione di questo piano anche per la regione delle West Midlands, la Cornovaglia, Sheffield, il Lake District, Greater Manchester e l'Irlanda del Nord.

Naturalmente positive le reazioni e le dichiarazioni di tutte le principali case automobilistiche che stanno per lanciare o lanceranno veicoli elettrici o plug-in, Nissan, Renault, Smart, Toyota e General Motors con Chevrolet e Opel. Positive anche quelle da parte dell'industria britannica che vede nei nuovi sistemi di propulsione un'occasione di business per tutta la filiera dedicata all'automotive, dalla ricerca applicata e la tecnologia fino ai fornitori, e un modo per attirare proprio nel Regno Unito nuovi investimenti per sviluppare nuovi modelli di mobilità legati alla cosiddetta "green economy".

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Attualità , incentivi , auto elettrica , dall'estero


Top