dalla Home

Curiosità

pubblicato il 15 gennaio 2006

La Fiamma Olimpica tocca anche la Ferrari!

La Fiamma Olimpica tocca anche la Ferrari!
Galleria fotografica - La Fiamma Olimpica a MaranelloGalleria fotografica - La Fiamma Olimpica a Maranello
  • La Fiamma Olimpica a Maranello - anteprima 1
  • La Fiamma Olimpica a Maranello - anteprima 2
  • La Fiamma Olimpica a Maranello - anteprima 3
  • La Fiamma Olimpica a Maranello - anteprima 4
  • La Fiamma Olimpica a Maranello - anteprima 5
  • La Fiamma Olimpica a Maranello - anteprima 6

Il lungo viaggio della Fiamma Olimpica verso le olimpiadi invernali di Torino 2006, non poteva non attraversare la patria dell'auto sportiva made Italy, Maranello. Sabato 14 gennaio è così avvenuto lo storico incontro tra il simbolo dei Giochi e la mitica "rossa", con tanto di visita agli stabilimenti e un giro a bordo di una Ferrari F430 Spider.

"Il Viaggio della Fiamma Olimpica - ha detto Evelina Christillin, vice presidente vicario del TOROC - è un'occasione unica per diffondere e promuovere i Valori di Pace, Lealtà e Fratellanza che sono alla base delle Olimpiadi. Con questo Viaggio abbiamo voluto celebrare tante - tutte sarebbe stato impossibile - le bellezze del nostro Paese che sono naturali, artistiche e culturali, ma anche industriali. La Ferrari, una tra le massime espressioni sportive del nostro Paese, non poteva mancare in questo appuntamento".

"La Ferrari, - aggiunge Amedeo Felisa, Vice Direttore Generale - che sin dalla sua nascita ha fatto dello spirito sportivo uno dei suo valori cardine, è orgogliosa di poter ospitare oggi il simbolo delle Olimpiadi, un evento che da sempre ha la capacità e la forza di veicolare messaggi di portata universale".

La Fiamma, partita in mattinata da Bologna, è passata da Modena (10.06) e Formigine (11.41) prima di giungere a Maranello, verso le 11.45. Il capo collaudatore delle vetture Ferrari stradali, Dario Benuzzi, alle 11.50, è stato il primo tedoforo del Cavallino Rampante a ricevere la Fiamma sul cavalcavia che passa sopra la pista di Fiorano. Compiuti i 400 metri fino all'ingresso storico di Via Abetone Inferiore, 4, Benuzzi ha consegnato la torcia nelle mani di Luca Badoer (collaudatore ufficiale della Scuderia Ferrari Marlboro) che è salito a bordo di una Ferrari F430 Spider rossa, guidata dall'Ing. Amedeo Felisa (Vice Direttore Generale Ferrari). La Fiamma Olimpica ha poi attraversato gli stabilimenti dell'Azienda di Maranello lungo viale Enzo Ferrari e ha raggiunto la Nuova Meccanica. La fiaccola ha quindi proseguito fino alla Galleria Ferrari, dove è stato predisposto il Braciere con la Fiamma.

La Fiamma Olimpica, nelle mani di un nuovo tedoforo, ha proseguito il suo percorso all'interno del Comune di Maranello per poi partire alla volta di Fiorano Modenese, Sassuolo, Casalgrande (13.52), Reggio nell'Emilia (15.46) e Sant'Ilario d'Enza (17.18) finendo la giornata a Parma attorno alle 17,25 per la Cerimonia d'Accensione del Braciere Olimpico.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Ferrari


Top