dalla Home

Test

pubblicato il 7 luglio 2010

Renault Wind, impressioni open air

A tu per tu con la piccola coupé-cabriolet francese

Renault Wind, impressioni open air
Galleria fotografica - Renault WindGalleria fotografica - Renault Wind
  • Renault Wind - anteprima 1
  • Renault Wind - anteprima 2
  • Renault Wind - anteprima 3
  • Renault Wind - anteprima 4
  • Renault Wind - anteprima 5
  • Renault Wind - anteprima 6

Provare la piccola Renault Wind significa immedesimarsi in quella clientela che cerca distinzione e originalità in una vettura derivata dalla grande serie, con un prezzo d'acquisto relativamente contenuto. La Renault Wind soddisfa la voglia di viaggi a cielo aperto, grazie alla sua configurazione coupé-cabriolet a due posti con tetto ribaltabile elettricamente che scompare dietro il guscio sagomato posteriore e lo fa con prezzi che variano dai 18.000 euro della versione 1.2 TCe 100 CV ai 19.000 euro della 1.6 16v 133 CV, entrambe disponibili nell'unico allestimento Blizzard. L'insieme di componenti e di telaio è un mix fra Twingo e Clio, mescolati e messi assieme da Renault Sport per offrire una piccola roadster dalle caratteristiche stradali interessanti.

DA FUORI
Esternamente la Renault Wind offre forse il meglio di sé, con una linea moderna e molto compatta che esprime dinamismo da ogni lato, soprattutto nel frontale dominato dalle grintose prese d'aria e dai grandi gruppi ottici a due elementi con elementi in plastica blu che ricordano i fari allo xeno. Grazie alla lunghezza ridotta (3.833 mm), compresa fra quella di Twingo e Clio, la Wind gode anche di un'immagine compatta e sportiveggiante, sottolineata dal massiccio montante posteriore che confluisce nel roll-bar in configurazione "targa" che domina i due poggiatesta. Non male neppure il posteriore, con fanaleria sagomata a boomerang, accenno di diffusore e alettone integrato nel massiccio cofano bagagli che fa anche da custodia della capote aperta. Particolarmente gradevole è anche il design dei cerchi in lega da 17", compresi nel Pack Look assieme al climatizzatore automatico (500 euro).

TETTO RIBALTABILE
Unica nella categoria e simile solo alla Ferrari 575 Superamerica è la soluzione del tetto rigido ribaltabile, in grado cioè di rimanere sopra la testa dei passeggeri o di scomparire elettricamente sotto la copertura posteriore in appena 12 secondi, grazie a un sistema rotativo che fa perno proprio alla base del grande arco di sicurezza posteriore, punto in cui la scocca della Wind è stata rinforzata e irrigidita. Per sbloccare il tetto è necessario agire su di una manopola d'aggancio posta nella cornice del parabrezza, dopo di che un semplice servomeccanismo elettrico si occupa di aprire il coperchio di coda, ribaltare il piccolo hard-top e riporlo nell'apposito vano posteriore, il tutto senza andare a variare il volume del bagagliaio. Il vano posteriore da 270 dm3 è infatti uno dei punti di forza della Renault Wind, ampio e sfruttabile per riporre i bagagli di una vacanza a due o per sistemare la spesa.

ABITACOLO: PIU' TWINGO CHE CLIO
Pur differenziandosi in numerosi particolari dalla sorellina, la Renault Wind presenta comunque un abitacolo con materiali e finiture che ricordano da vicino quelli della Twingo, a partire dalla qualità percepita sulle plastiche della plancia, sulle portiere, nel volante e sulla componentistica dei comandi di climatizzazione (manuale di serie) e impianto audio. Originale, ben fatta e di impronta molto "racing" è la fettuccia di tessuto che funge da maniglia interna delle portiere, mentre da riscrivere è il capitolo relativo alle maniglie esterne e alle alette parasole, entrambe realizzate con elementi plastici fin troppo semplificati. Un voto positivo lo meritano la pedaliera in metallo lucidato e i sedili, ben sagomati, sportivi (ma non stancanti) e in grado di contenere gli occupanti anche nelle curve affrontate più velocemente. Bella la strumentazione a tre elementi con cornici metallizzate, raccolta sotto una palpebra dal design riuscito.

COME SI GUIDA
Il tocco di Renault Sport nello sviluppo della Wind lo si apprezza già dai primi metri di guida, soprattutto nella versione 1.6 16V, con la corposa sonorità di scarico e la resa appagante di un motore aspirato d'impostazione sportiva. L'altro propulsore disponibile, il benzina di 1,2 litri turbocompresso, punta invece molto sull'elasticità di marcia in città e nei trasferimenti, grazie al TCe 100 CV che fa della progressione e dei consumi contenuti i suoi punti di forza. Su entrambe le motorizzazioni è disponibile un rapido cambio manuale 5 marce che soddisfa le esigenze di qualsiasi automobilista. L'assetto è stabile e sicuro in ogni situazione, anche se i guidatori dal piede pesante potrebbero desiderare una taratura meno "soft" e meno sensibile alle sconnessioni dell'asfalto. I freni, potenti e ben modulabili, derivano da quelli della Megane. I livelli di rumorosità a tetto aperto sono nella norma, con un lieve miglioramento a finestrini sollevati, mentre le turbolenze sono mitigate da un paio di frangivento ospitati dietro ai sedili.

IN ITALIA DA SETTEMBRE
La Renault Wind, nelle concessionarie italiane da settembre, è già in pre-vendita con un prezzo che parte da 18.000 euro per la versione Blizzard 1.2 TCe 100 CV, che solo nella fase iniziale di commercializzazione sarà affiancata dalla serie limitata e numerata Collection 1.2 TCe 100 CV. Disponibile in soli 50 esemplari nel nostro paese, la Collection si distingue per i cerchi da 17" di serie, clima automatico, sedili in pelle, radio CD-MP3, specchietti cromati, tetto nero lucido (opzione da 300 euro sulla Blizzard), finiture rosse sulla palpebra degli strumenti e nella cinghia di chiusura portiere, oltre che per i logo specifici sui perni del tetto e la placchetta numerata subito sotto il lunotto. La Blizzard 1.6 16v 133 CV è invece a listino con un prezzo di 19.000 euro, cifra cui si possono aggiungere i 250 euro del Pach Techno (radio CD-MP3 con Bluetooth), il già citato Pack Look, la vernice metallizzata (450 euro) e la ruota di scorta (50 euro).

Scheda Versione

Renault Wind
Nome
Wind
Anno
2010 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
citycar
Carrozzeria
Spider
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Renault


Top