dalla Home

Tuning

pubblicato il 5 gennaio 2006

Volkswagen GX3

Volkswagen GX3
Galleria fotografica - Volkswagen GX3Galleria fotografica - Volkswagen GX3
  • Volkswagen GX3 - anteprima 1
  • Volkswagen GX3 - anteprima 2
  • Volkswagen GX3 - anteprima 3
  • Volkswagen GX3 - anteprima 4
  • Volkswagen GX3	   - anteprima 5
  • Volkswagen GX3 - anteprima 6

Si possono combinare le prestazioni di un auto sportiva con i consumi di una citycar? La risposta è affermativa, ma ad una condizione fondamentale: spostarsi su tre ruote.
L'uovo di colombo, ingegneristicamente parlando, è l'incrocio fra un auto ed una moto, per una struttura che ricalca quella del triciclo, con due ruote davanti ed una ruotona motrice posteriore.

In tempi recenti ci aveva già pensato Peugeot, presentando al Salone di Francoforte dello scorso settembre il prototipo 20cup. L'approccio della Casa francese è stato però quello di sviluppare una show car che, per quanto funzionante, non dovesse avere un seguito commerciale, o comunque non dovesse averlo in tempi brevi.

Ma c'è qualcuno che la pensa diversamente e crede che un'auto-moto possa davvero diventare uno strumento di mobilità alternativo. E questo qualcuno, a sorpresa, è la Volkswagen.
Il costruttore tedesco ha appena presentato al Salone dell'Auto di Los Angeles la sua idea di "triciclo". Un veicolo leggero, veloce ed ecologico più simile ad una moto che non ad un classica auto. E' stato battezzato GX3, ed è frutto del Centro di progettazione Volkswagen in California che l'ha sviluppato pensando ad una possibile introduzione nel mercato statunitense.

Più in dettaglio Volkswagen GX3 è mosso da un 4 cilindri a benzina di 1.6 litri capace di 125 cavalli e 150 Nm di coppia, il che, unito al peso di soli 570 chilogrammi, si traduce in un formidabile rapporto peso/potenza di 4,56 kg/cv. Da quest'ultimo conseguono prestazioni entusiasmanti, come ad esempio il tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h dichiarato in appena 5,7 secondi, mentre l'altro valore incredibile riguarda i consumi di carburante che nel ciclo urbano consisterebbero in 5,2 litri ogni 100 km; meno di una smart!
Il propulsore è installato su un telaio space-frame in acciaio ad alta densità, resistente alle deformazioni. I pannelli di rivestimento interni ed esterni dello space-frame sono realizzati in fibre di vetro.

Se a tutto questo si aggiunge uno design avveniristico, la comodità di due posti uniti ad un bagaglio da 80 litri e un comportamento su strada degno delle migliori sportive, si capisce perché Volkwagen creda tanto in un prodotto del genere, osando una stima del prezzo di listino in caso di produzione in serie, 17 mila dollari e cioè, al cambio attuale, meno di 15 mila Euro.

Il via libera alla produzione dipenderà dal riscontro del pubblico al Salone di Los Angeles di questi giorni e dai giudizi della stampa internazionale.

Voi che ne pensate?

Autore: Alessandro Lago

Tag: Tuning , Volkswagen


Top