dalla Home

Motorsport

pubblicato il 25 giugno 2010

Formula 1: cosa cambia nel 2011

Le novità su ali mobili, safety car, qualifiche e licenze attese per il prossimo anno

Formula 1: cosa cambia nel 2011

Oltre a nominare il nuovo fornitore di gomme, con il ritorno di Pirelli al posto di Bridgestone, la FIA all'ultimo Consiglio Mondiale del Motorsport ha previsto alcuni cambiamenti su diversi aspetti tecnici e sportivi della Formula 1 che entreranno in vigore a partire dalla stagione 2011. Ecco i principali.

LA "LICENZA MONDIALE"
L'idea è di Jean Todt: una licenza per il personale che fa parte delle squadre iscritte ai Campionati del Mondo FIA. Si comincerebbe con la Formula 1, per poi estendere l'obbligo a tutti coloro che lavorano negli altri Campionati Mondiali. Ciò renderebbe finalmente punibili coloro che si rendono colpevoli di condotte irregolari (Stepney e Coughlan "nella spy story" Ferrari-McLaren e Briatore nel "Singapore Gate" gli ultimi esempi). Ancora da definire però quali ruoli dovranno entrare nella lista dei "licenziabili".

SAFETY CAR: COME E QUANDO
Inoltre è stato chiarito il comportamento da tenere al rientro della safety car, in seguito al malinteso creatosi a Montecarlo con il sorpasso di Schumacher su Alonso: la gara ricomincia, in base alla regola introdotta quest'anno, non più sul traguardo, ma alla riga bianca che si trova in prossimità dei box, che rappresenta il punto di uscita dalla pista della safety car. La nuova norma chiarisce anche che, se la safety car è in pista nel corso dell'ultimo giro, come accaduto al GP di Monaco, i piloti non possono sorpassarsi neppure se la vettura di sicurezza rientra ai box prima della conclusione del giro, mantenendo la posizione fino alla bandiera a scacchi.

LA REGOLA DEL 107%
La FIA ha stabilito il ritorno della regola del 107% introdotta nel 1996 e abolita nel 2003, con la quale si prevede che possono prendere parte alla gara soltanto coloro che riescono a girare in qualifica in un tempo non superiore al 107% del tempo del Q1. Con La possibilità di una deroga: "Tuttavia - ha stabilito la Federazione - , in alcune circostanze eccezionali, che prevedono però la presenza di un tempo utile realizzato nelle prove libere, i commissari possono permettere alla vettura di presentarsi comunque al via. Se i piloti che rientrano in questa casistica fossero più di uno, saranno i commissari a scegliere l'ordine in cui si schiereranno sulla griglia di partenza".

PUNITO L'ECCESSO DI... LENTEZZA
La FIA ha approvato anche una nuova regola che impone un tempo massimo anche per i giri di entrata ed uscita dai box nel corso delle qualifiche. Lo scopo è evitare le perenni polemiche su chi ostacola chi, a torto o a ragione, durante il giro lanciato di una monoposto alla ricerca del tempo. Il tempo massimo di percorrenza per i rientri e uscite dalla pit lane verrà stabilito dal direttore di corsa prima delle prove libere, ma potrà essere modificato dallo stesso se necessario.

AERODINAMICA MOBILE
Abolito l'F-Duct e fissato in 640 kg il peso minimo, nel 2011 sarà possibile utilizzare "appendici mobili". La decisione in buona sostanza consisterà in un'ala posteriore mobile che sarà possibile utilizzare in una maniera un po' macchinosa: una regolazione prima della via e non prima di due giri dopo la partenza e chi lo usa deve trovarsi a un distacco minore di un secondo dalla vettura che precede. Un indicatore luminoso montato sul volante segnalerà al conduttore che può passare all'attacco, mentre il pilota davanti non potrà difendersi. Si tratta di un regolamento che ha già suscitato le critiche dei piloti, che lo ritengono poco sportivo.

Autore:

Tag: Motorsport , formula 1


Top