dalla Home

Novità

pubblicato il 25 agosto 2010

Ford Mondeo restyling

Assieme al nuovo design debuttano il 2.0 Ecoboost 240 CV e il 2.2 TDCi 200 CV

Ford Mondeo restyling
Galleria fotografica - Ford Mondeo 4 porte restylingGalleria fotografica - Ford Mondeo 4 porte restyling
  • Ford Mondeo 4 porte restyling - anteprima 1
  • Ford Mondeo 4 porte restyling - anteprima 2
  • Ford Mondeo 4 porte restyling - anteprima 3
  • Ford Mondeo 4 porte restyling - anteprima 4
  • Ford Mondeo 4 porte restyling - anteprima 5
  • Ford Mondeo 4 porte restyling - anteprima 6

La Ford Mondeo, presentata nel 2007, affronta il suo primo restyling adottando ultime tendenze del "kinetic design" già sperimentate sulle rinnovate Ford S-Max e Galaxy. Allo stesso tempo sono stati aggiornati gli interni e la gamma motori, con i più efficienti EcoBoost a benzina e le ultime versioni del TDCi diesel, tutti Euro 5. La commercializzazione europea della Mondeo restyling, sempre proposta in versione 4 porte, 5 porte e station wagon, è fissata per settembre dopo la presentazione al Salone di Parigi.

FRONTALE AFFILATO
Le modifiche allo stile partono proprio dal frontale, ora con una nuova calandra più sottile e la grande presa d'aria inferiore che assume una forma più marcatamente trapezoidale. Di conseguenza cambia anche la sagoma del cofano motore e del paraurti anteriore, dotato di luci diurne a LED. In coda si notano i gruppi ottici rimodellati con tecnologia LED e la forma del cofano bagagli modificata di conseguenza. Le dimensioni sono rimaste invariate, con la lunghezza che passa dai 4.850 mm della 4 porte ai 4.784 mm della 5 porte e ai 4.837 mm della station wagon, la larghezza a quota 1.886 mm, l'altezza di 1.500 mm e il passo di 2.850 mm.

NUOVA LA PLANCIA
L'abitacolo ha una console centrale più ampia e raccordata alla plancia ed è integrata da una console secondaria nel cielo che diffonde luci LED. Nuovi sono anche i tessuti di rivestimento, un'evoluzione del navigatore satellitare e il Premium Sound System opzionale da 265 watt che sfrutta un amplificatore a otto canali, un inedito schema di altoparlanti e un subwoofer da 17 litri.

2.0 TURBO 240 CV
La Ford Mondeo restyling monta per la prima volta il motore EcoBoost 2.0 Turbo da 240 CV, unità che va ad affiancarsi al già esistente EcoBoost da 203 CV. A conferma delle doti di efficienza di questo motore c'è il dato relativo alle emissioni di CO2 pari a 179 g/km, esattamente uguali a quelle del 203 CV. Rispetto a motori a benzina di pari potenza e tecnologia tradizionale, le emissioni calano invece del 20%. Le altre motorizzazioni a benzina disponibili sulla rinnovata Mondeo sono i Duratec 1.6 da 120 CV e il 2.0 da 145 CV. Inedito sulla Mondeo è anche il turbodiesel Duratorq TDCi 2.2 da 200 CV, unità che va ad affiancarsi alle versioni da 115, 140 e 163 CV. In futuro verranno introdotti in gamma anche il 1.6 EcoBoost, il nuovo 1.6 Duratorq TDCi e l'atteso 2.0 bifuel benzina-GPL da 145 CV.

FINO A 5,3 L/100 KM
I consumi combinati della nuova Mondeo a benzina vanno da un minimo di 6,8 l/100 km per la Duratec 1.6 ad un massimo di 7,7 l/100 km nel caso del 2.0 EcoBoost, sia nella versione da 203 che da 240 CV. Anche le emissioni di CO2 oscillano su valori accettabili, fra 159 e 179 g/km. Ad una velocità massima di 190 km/h per la 1.6 station wagon fanno da contrappunto i 246 km/h della 2.0 EcoBoost 240 CV a 4 o 5 porte, con un'accelerazione 0-100 km/h che passa da 12,6 secondi a 7,5 secondi. Fra i motori a gasolio spicca per prestazioni il nuovo Duratorq TDCi 2.2, capace di toccare i 230 km/h in versione 4/5 porte, di andare da zero a cento orari in 8,1 secondi e di consumare mediamente 6 litri di carburante ogni 100 chilometri (159 g/kmk di CO2). Ancor più parsimoniosi sono i Duratorq TDCi 2.0 nei vari livelli di potenza, tutti in grado di consumare 5,3 l/100 km con il cambio manuale a 6 marce e 5,6 l/100 km con l'automatico PowerShift a doppia frizione, un Getrag a 6 marce in bagno d'olio.

ANCHE AUTOMATICA POWERSHIFT
Dal repertorio delle tecnologie Ford ECOnetic arrivano i sistemi Smart Regenerative Charging per il recupero di energia in decelerazione, il Ford Eco Mode e, per la prima volta, l'Active Grille Shutter che attraverso un controllo elettronico provvede ad aprire e chiudere una serie di elementi posti davanti al radiatore, in modo da ottimizzare l'aerodinamica e la temperatura d'esercizio del motore. Di serie sui motori EcoBoost a benzina è il nuovo cambio automatico PowerShift doppia frizione a 6 marce, mentre sarà offerto in opzione sui TDCi da 140 e 163 CV.

PIU' SICUREZZA ATTIVA
Di nuova introduzione sulla Mondeo sono anche alcuni sistemi di sicurezza e ausilio alla guida, come il Lane Departure Warning che avverte del cambio di corsia involontario, il Driver Alert che controlla il livello d'attenzione del guidatore e l'Auto High Beam per la regolazione automatica degli abbaglianti. Altrettanto innovativi per la media dell' "ovale blu" sono i dispositivi per il monitoraggio dei punti ciechi e la telecamera di parcheggio posteriore, accompagnati dal limitatore di velocità e dal blocco di sicurezza delle portiere posteriori.

Galleria fotografica - Ford Mondeo station wagon restylingGalleria fotografica - Ford Mondeo station wagon restyling
  • Ford Mondeo station wagon restyling - anteprima 1
  • Ford Mondeo station wagon restyling - anteprima 2
  • Ford Mondeo station wagon restyling - anteprima 3
  • Ford Mondeo station wagon restyling - anteprima 4
  • Ford Mondeo station wagon restyling - anteprima 5
  • Ford Mondeo station wagon restyling - anteprima 6
Galleria fotografica - Ford Mondeo 5 porte restylingGalleria fotografica - Ford Mondeo 5 porte restyling
  • Ford Mondeo 5 porte restyling - anteprima 1
  • Ford Mondeo 5 porte restyling - anteprima 2
  • Ford Mondeo 5 porte restyling - anteprima 3
  • Ford Mondeo 5 porte restyling - anteprima 4
  • Ford Mondeo 5 porte restyling - anteprima 5
  • Ford Mondeo 5 porte restyling - anteprima 6

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Ford , car design , nuovi motori


Top