dalla Home

Test

pubblicato il 25 giugno 2010

Audi A1, le nostre impressioni

E' trendy, di sostanza e divertente, ma la qualità si fa pagare

Audi A1, le nostre impressioni
Galleria fotografica - Audi A1 a BerlinoGalleria fotografica - Audi A1 a Berlino
  • Audi A1 a Berlino - anteprima 1
  • Audi A1 a Berlino - anteprima 2
  • Audi A1 a Berlino - anteprima 3
  • Audi A1 a Berlino - anteprima 4
  • Audi A1 a Berlino - anteprima 5
  • Audi A1 a Berlino - anteprima 6

Questa volta in Audi l'hanno fatta proprio "piccola". Quando ti avvicini alla A1 è la prima cosa che pensi, anche perchè dal vivo sembra molto più compatta di quello che è sulla carta: con una lunghezza di 3.954 millimetri, ha delle proporzioni esattamente a metà strada fra quelle di una MINI (3.699 mm) e un'Alfa Mito (4.063 mm). E poi ti ispira subito simpatia perché non ricorda nessun'altra e ha un'aria giovane come mai è stata un'auto dei quattro anelli. Il merito è del muso aggressivo e della coda che viene volutamente schiacciata dalla particolare forma del lunotto; i LED invece le danno quel tocco hi-tech che oggi piace tanto. Dopo averla vista e guidata siamo ragionevolmente convinti che l'A1 diventerà, almeno per qualche mese, il nuovo oggetto del desiderio automobilistico di chi vive in città e deve comprare un'auto compatta. Molti saranno giovani, secondo Audi, ma anche le donne e i fedeli al marchio che quando scendono da una A6, Q7 o A8, hanno bisogno di una citycar. L'unico problema è che bisogna essere disposti a spenderci su: per averla accessoriata a dovere bisogna sborsare almeno 23 mila euro.

LE DIMENSIONI GIUSTE
L'A1 offre un buon compromesso fra ingombri esterni ed abitabilità. Dunque chi siede davanti sta molto comodo e trova facilmente la sua posizione di guida, grazie alla generosa escursione del sedile e alle regolazioni disponibili. Il divanetto posteriore è omologato per due adulti che dispongono di uno spazio più che sufficiente per le gambe, ma crea qualche problema alla testa degli over 1,75 che toccheranno necessariamente il padiglione. E' lo scotto da pagare per la conformazione particolare del tetto, ma sono condizioni comunque migliori di quelle offerte dalla MINI che dietro riesce a stento ad ospitare dei ragazzini. Stesso discorso vale per il bagagliaio: quello dell'A1 misura 270 litri, valore identico a quello dell'Alfa MiTo, quando la MINI si ferma a 160.

ARIA DI AUDI
La percezione di qualità a bordo è notevole. Le plastiche, le rifiniture, gli assemblaggi non hanno nulla da invidiare alle Audi più grandi. L'impressione è quella di un'auto di sostanza e lo capisci dalla cura di tanti piccoli dettagli, come la consistenza dei comandi (alzacristalli, devioluci, freno a mano ecc.), la plafoniere a LED (optional), la morbidezza dei rivestimenti in pelle o tessuto. Del resto Wolfgang Egger, direttore del Centro Stile Audi, ce lo ha detto chiaramente: "il nostro obiettivo è far sentire a suo agio sull'A1 un cliente che scende da A4, A6, o dalla nuova A8". Certo, il grado di appagamento corre in proporzione allo sfruttamento della (lunga) lista di accessori. A voler trovare un pelo nell'uovo possiamo dire che si poteva rifinire meglio l'interno del cassetto portaoggetti che è di semplice plastica liscia.

DA PERSONALIZZARE
L'A1 è un'auto che va accessoriata. E' un discorso che vale un pò per tutte le "piccole" premium acquistate "perché trendy". Quindi, prezzi base di listino a parte, bisogna studiare per bene il catalogo degli optional. Vi diciamo subito che per avere un'A1 simile a quella che abbiamo provato e vedete nella immagini bisogna impegnarsi un po'. Innanzitutto dovete scegliere l'allestimento Ambition, che monta già di serie i cerchi in lega da 16 pollici, abbinati all'assetto sportivo e a varie rifiniture cromate, nonchè varie dotazioni funzionali utili come il computer di bordo, il supporto lombare dei sedili (sportivi). Quindi dovete sbizzarrirvi fra i pacchetti di accessori disponibili che possono includere rivestimenti e rifiniture più o meno colorate (a cominciare dalla bocchette dell'aria condizionata), modelli di autoradio più o meno "hi-fi" (il top è griffato Bose), due livelli di sistema di navigatore satellitare (quello più costoso è il sistema MMI, lo stesso montato dall'Audi A8). Molto "importanti" per la resa estetica della carrozzeria sono i fari a LED che sono optional sempre e comunque (quelli frontali sono abbinati ai fari allo Xenon) e i cerchi in lega che spaziano dai 15 ai 17 pollici, con vari disegni. Il non plus ultra in fatto di personalizzazione sportiva è dato dall'ormai immancabile pacchetto S-Line, disponibile separatamente per la carrozzeria e l'abitacolo.

COME VA SU STRADA
Giriamo la chiave. Anzi no, sull'A11.4 TFSI che proviamo con cambio manuale a 6 marce (in Italia inizialmente sarà disponibile solo con l'S-tronic) c'è il pulsante "Start Engine" (optional). L'auto si muove docilmente nel traffico berlinese: apprezziamo subito lo Start&Stop nelle lunghe soste semaforiche, mentre su tratti sconnessi avvertiamo l'assetto rigido abbinato alla gommatura da 17 pollici (optional). Il TFSI nella configurazione da 122 CV è già impiegato su diversi modelli del Gruppo Volkswagen, ma sotto il cofano dell'Audi si fa apprezzare per la sua brillantezza ai bassi regimi che ti permette di viaggiare in sesta marcia con un filo di gas anche a 50-60 km/h. Scalando e accelerando la risposta è pronta e in grado di regalare qualche soddisfazione quando si vuole impostare un'andatura più allegra con la complicità di un assetto equilibrato al punto giusto e all'ottima taratura dello sterzo che regala all'A1 un'agilità esemplare. Da segnalare che i tecnici Audi hanno lavorato pure su sound del millequattro, che ha un imprinting metallico e sportivo al punto giusto. A fronte di prestazioni tutt'altro che da citycar (8,9 secondi nello scatto 0-100 km/h e 203 km/h di velocità massima), questa A1 se la cava molto bene nei consumi con 5,3 litri ogni 100 chilometri (nella nostra prova siamo riusciti a fare 6 litri/100 km).
Passiamo alla motorizzazione entry level, il 1.2 TFSI. Basteranno 86 CV a muovere l'A1 in modo dignitoso? La risposta è affermativa. Il turbocompressore garantisce una dose sufficiente di elasticità e non fa accusare il deficit di cavalli. Certo, negli allunghi extraurbani bisognerà avere più pazienza per raggiungere o riprendere la velocità di crociera (i rapporti del cambio a 5 marce sono un po' lunghi), ma l'impressione al volante non è mai quella di guidare un'auto "seduta" (lo 0-100 km/h è dichiarato in 11,7 secondi). In un breve tratto di Autobahn (senza limiti), abbiamo raggiunto e mantenuto facilmente anche la velocità massima di 180 km/h. I consumi dichiarati sono leggermente inferiori a quelli dell'A1 1.4: 5,1 litri nel ciclo combinato.
Infine c'è il 1.6 TDI, la motorizzazione che secondo la previsioni della Casa sarà la più richiesta dal mercato italiano (60% del mix). La configurazione disponibile al lancio è quella da 105 CV (successivamente arriverà un 90 CV) che grazie al generoso valore di coppia di 250 Nm disponibili già a 1.500 giri, assicura un comportamento simile a quello del benzina più potente. Che si guida un diesel si sente dal rumore inevitabilmente meno appagante del TFSI. Il vantaggio sta tutto alla voce consumi: appena 3,9 litri ogni 100 chilometri percorsi nel ciclo combinato e 4,7 in quello urbano.

QUANTO COSTA
Il listino prezzi ufficiale è compreso fra i 16.800 euro della versione Attraction 1.2 TFSI ed i 22.900 euro della 1.4 TFSI. I prezzi reali lievitano però molto facilmente anche attingendo ad un numero minimo di optional. L'A1 è di fatto la citycar più cara del segmento: al tema abbiamo dedicato un articolo specifico a cui vi rimandiamo.

Scheda Versione

Audi A1
Nome
A1
Anno
2010 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Audi


Listino Audi A1

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 TFSI Attraction anteriore benzina 86 1.2 4 € 17.300

LISTINO

1.2 TFSI Ambition anteriore benzina 86 1.2 4 € 18.750

LISTINO

1.2 TFSI Admired anteriore benzina 86 1.2 4 € 18.900

LISTINO

1.6 TDI 66kW Attraction anteriore diesel 90 1.6 4 € 19.500

LISTINO

1.4 TFSI Attraction anteriore benzina 122 1.4 4 € 20.450

LISTINO

1.2 TFSI S line edition anteriore benzina 86 1.2 4 € 20.700

LISTINO

1.6 TDI 66kW Ambition anteriore diesel 90 1.6 4 € 20.950

LISTINO

1.2 TFSI S line edition plus anteriore benzina 86 1.2 4 € 20.950

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top